Cos’è il matrimonio? :ilSicilia.it

Diventa una tomba se non si passa a miglior vita prima che degeneri

Cos’è il matrimonio?

di
16 Ottobre 2019

Il detto dice che il matrimonio è la tomba dell’amore. In effetti, ci sono molti zombie e mummie in giro. Oltre a essere un giorno dedicato allo sfarzo e a lussi che, spesso, sono sopra le nostre portate, oltre a essere un evento oggetto di truffe ad alto costo da parte di commercianti senza scrupoli, è anche un atto, non solo inteso come azione, ma anche inteso come contratto o negozio giuridico fra due o più persone.

A che serve? Solo per il coronamento di un sogno? Solo per indossare l’abito da sposa e vivere il più bel giorno della propria vita (perché mai più, nella normale/peggiore della ipotesi, ci potremo permettere una spesa del genere?)? Solo per incassare un po’ di magia e di felicità in un mondo di difficoltà e responsabilità?

disegni Laura Valenti, MatrimonioQuesta sacra unione comporta non solo piaceri ma, soprattutto, obblighi e doveri, fra i diritti. Ci si dovrebbe aiutare e sostenere in salute e in malattia, nel bene e nel male.

Mi piace molto la radice etimologica della parola che è costituita da “mater”, madre, e da “munus”, compito. Il matrimonio, infatti, è nato nell’antica Roma, ed è stato vissuto così fino ai tempi d’oggi, come il “compito della madre” mentre il padre andava in lungo e in largo, si trastullava con gli amici e le amanti oltre a, ovviamente, dedicarsi al duro lavoro!

I compiti, dunque, in questa forma relazionale, sono stati sempre non ben equiparati perché alla donna, in genere, non erano o non sono concesse pause, hobby, braccia conserte e il pettinar le bambole. E dopo una giornata/nottata di faticoso lavoro casalingo e materno arrivava l’uomo e si attribuiva l’intero stipendio. Vabbè, lasciamo stare, perché un velo non basta per nascondere la pochezza di questa mentalità. Forma mentis che, purtroppo, si eredita con i geni e viene amplificata dall’ambiente di riferimento.

Any way, con questo lemma ci si riferisce all’unione nuziale passata per la legittimazione giuridica, sociale e religiosa o civile. Cosa unisce due persone?

Ci sono diverse motivazioni alla base di questa scelta: le prime sono quelle sentimentali. Occorre vedere, però, se questi cosiddetti sentimenti sono “puri” o sono “malati”. Mi riferisco al cosiddetto “amore-bisogno” o a quello di soddisfare non tanto i propri bisogni ma quelli moralmente accettabili e condivisi con la propria famiglia. La famiglia di origine, in questo senso, condiziona molto queste decisioni e, spesso, portano a compiere passi inopportuni di cui, presto o tardi, si pagano brutte conseguenze.

disegni Laura Valenti, MatrimonioCi sono, poi, motivazioni sessuali. Tuttavia, capita che siano “fittizie” e che, soprattutto, l’uomo, giustificato dalla cultura maschilista (nell’accezione negativa), sposi una donna-mummia con cui non raggiunge il vero piacere sessuale (anche perché non la trova abbastanza attraente) e vada, poi, in cerca di amanti veraci e prestanti con cui vivere la parte più recondita e primitiva di se. Mi serve un altro velo, non so se lo trovo nel vecchio baule di pezze da buttare!

Ci sono, infine, gli interessi economici perché si commette il grave errore di comprare casa insieme. Giustamente, quale sarebbe l’alternativa? Comprarne due? O regolarizzare il negozio con un contratto scritto e firmato da entrambe le parti a tutela di un’eventuale separazione?

Io non scrivo di divorzio e simili perché sono disincantata e neanche perché non credo nei rapporti a lunga durata. Io credo fermamente, come ho cercato di esplicare attraverso il mio disegno dal titolo “il ciclo”, che le coppie si trasformano, l’individuo evolve o involve, cambia gusti, fa nuove esperienze e, nell’ottica di un insieme dinamico, in costante evoluzione e rivoluzione, non sempre è possibile e plausibile restare insieme.

Questo è assolutamente sbagliato: restare insieme a tutti i costi, anche quando, ormai, da tempo, il rapporto dà segni di disunione, di divisione, di non ritorno. È qui che si deve prendere una decisione saggia e dettata dal buon senso e dall’amore per i propri figli! Non dopo, quando i rapporti degenerano, quando le liti diventano vere e proprie guerre, dense di emozioni e connotati negativi e distruttivi! È questo il bene che pensate di volere ai vostri figli? E al vostro “spirito”? Alla vostra “anima”? Non pensate di offenderla?

Se credete anche voi nei misteri e nei poteri dell’Universo, sembra torni tutto indietro, anche l’offesa arrecata a noi stessi.

Sposarsi va bene, avete la mia benedizione, basta che sappiate che nulla dura per sempre, che dovete rispettare delle regole di bon ton perché duri, che se finisce dovete rispettare l’altro, voi stessi e i vostri figli. I valori che dovete trasmettere prima di tutti gli altri sono: di non avere paura di rimanere soli. In un mondo sovraffollato, questa paura non è razionale.

 

Gli aforismi creati per l’occasione sono:

“Per te ho piantato i semi. Per te, ho tolto le mie radici. Per te, ho creato. A te ho donato, anche il silenzio. Per me, ho vissuto”.

“Ogni scelta che si fa è una cagata fiabesca se non si cura ciò che si ha dentro”.

“Il matrimonio è un’istituzione nata per regolarizzare non per sopprimere”.

“Gli ideali sono belli se non diventano disvalori”.

“Perché disperarsi? Se si è destinati, anche a distanza di tempo, anche grazie al tempo, si ritornerà nell’esatta forma e posizione iniziale che determinerà un grande amore. Prima ci si stacca e più sarà facile o possibile realizzare questa semplice formula matematica”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco