Costanza Afan de Rivera si racconta: "Voglio far conoscere l'anima generosa di Franca Florio" | Video intervista :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Figlia di Giulia Florio

Costanza Afan de Rivera si racconta: “Voglio far conoscere l’anima generosa di Franca Florio” | Video intervista

di
9 Aprile 2019

Guarda la video intervista in alto 

È un legame indissolubile quello che Costanza Afan de Rivera Florio Costaguti nutre con la Sicilia e con Palermo, di cui è cittadina onoraria, e non solo per le sue radici familiari.

Figlia di Giulia Florio, ultima erede della famiglia, e nipote di Franca Florio, emblema di stile e cultura dell’Isola nel periodo d’oro del Novecento, Costanza sin da piccola, pur essendo nata a Roma, ha respirato l’aria salmastra dell’Arenella a Palermo.

Costanza Afran de Rivera

Mia mamma ridendo mi diceva sempre che dei suoi cinque figli sono quella con più sangue siciliano nelle vene, ci dice orgogliosa Costanza nella video intervista, riannodando le fila di una vita che, tra storia, ricordi e propositi per il futuro, mira a far conoscere l’evoluzione della famiglia Florio soprattutto alle nuove generazioni.

Perché nonostante il nome dei Florio comunque riecheggi nella sostanza, ci racconta Costanza, la eco di questa famiglia è tenuta in una specie di nebbia, soprattutto dalla classe politica, mentre le nuove generazioni e le scuole, in particolare, mostrano grande interesse. “Giro moltissimo e mi piace rispondere alle domande degli studenti che si dimostrano molto attenti e curiosi verso le mie radici familiari“.

Sangue siciliano ma anche “indole dei Florio” quella di Costanza che vuole con questi incontri sottolineare l’anima sociale e generosa, nell’azione, di Franca Florio, figura spesso eclissata all’ombra degli uomini della famiglia, nonna affettuosa che i nipoti chiamavano “Greny”.

Franca Florio
Ritratto di Franca Florio, 1912

È sempre ricordata per la sua bellezza, il suo stile, la sua eleganza, io voglio che si conosca mia nonna come donna; forse non tutti sanno che, tra l’altro, dopo il terremoto di Messina, incinta di mia madre, andò sul posto come volontaria per aiutare nei soccorsi“.

E in quest’ottica Costanza ha messo a disposizione foto e materiale privato, inedito, per la mostra “Fotografare Franca Florio – Il volto della Stella d’Italia“, curata da Alba Romano Pace, che si inaugurerà venerdì 12 aprile allo Stand Florio (Via Messina Marine, 40), da poco restaurato e riaperto alla città.

C’è però anche un velo di amarezza che copre, ancora oggi, l’immagine di Franca Florio e il suo legame con Palermo. “Quando seppi che il quadro di mia nonna sarebbe stato battuto all’asta, proposi un crowdfunding cercando di coinvolgere tutti, dai semplici cittadini alle istituzioni. Non avendo recuperato la somma necessaria, coinvolsi una coppia di miei amici, i marchesi Berlingieri, che lo vollero a tutti i costi e che, oggi, lo custodiscono a Palazzo Mazzarino. Penso che in questa occasione la città di Palermo ha girato le spalle, per la seconda volta, a Donna Franca Florio“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti