6 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.06

il punto sulla politica

Cottarelli premier? Piuttosto si faccia subito una nuova legge elettorale per governare [Video editoriale]

28 Maggio 2018

Guarda il video editoriale in alto

Quello che si sta consumando in queste ore, con il professor Cottarelli incaricato da Mattarella di formare il nuovo governo, dopo il gran rifiuto di ieri, è un film nuovo ma stantio. Il governo nascente non otterrà la maggioranza in parlamento e dunque, dopo l’estate si andrà al voto.

Ma ci si andrà con la stessa legge elettorale di marzo scorso e dunque, se nessuno dei tre schieramenti (ammesso che la lega non decida di correre da sola o con i 5 Stelle) dovesse ottenere almeno il 40 per cento, si ripresenterebbe l’incasinata situazione di questi ultimi mesi.

La politica una strada l’avrebbe, ma non la vuole proprio percorrere: realizzare in brevissimo tempo una nuova legge elettorale che garantisca a chi prende un voto in più una solida maggioranza per governare, e quindi tornare alle urne con questa certezza. Non la faranno. Non interessa a nessuno.

In alto il video editoriale del direttore responsabile Alberto Samonà

 

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.