Covid, 118 in stato di agitazione: "Troppi interventi inutili intasano i soccorsi" :ilSicilia.it
Palermo

"Semplici stati febbrili intasano i pronto soccorso"

Covid, 118 in stato di agitazione: “Troppi interventi inutili intasano i soccorsi”

di
7 Aprile 2021

Stato di agitazione proclamato dal movimento unito (Mud) del 118 Sicilia che raggruppa i soccorritori delle ambulanze, “per i disservizi nella gestione della pandemia. I soccorritori del Seus 118 gridano aiuto per le innumerevoli falle del sistema senza che nessuno abbia controllato l’applicazione delle disposizioni – si legge in una nota – Molti interventi del Seus 118 sono per stati febbrili che inevitabilmente intasano i pronto soccorso riducendo i posti covid”.

“Ultimamente – aggiunge la nota – l’utente chiama il medico che si limita a dare la terapia e a fare la segnalazione all’Usca; la centrale non invia l’Usca per il follow-up di risposta alla terapia, ma l’ambulanza del 118. Andiamo in quartieri o palazzi che l’Asp identifica come focolai e noi non ne siamo a conoscenza, tutto questo è ai limiti della realtà, da 14 mesi nulla si è fatto e nulla si farà. Manca un reale filtro sanitario al Seus 118 in quanto molte chiamate potrebbero essere gestite dai medici di famiglia o addirittura dai servizi sociali. La medicina del territorio non funziona”.

Gli operatori denunciano che “non esiste una reale collaborazione tra la centrale operativa del 118, le Usca i medicina generale e i pediatri di libera scelta”. Gli operatori lamentano che si fanno gli accordi economici solo per i medici e gli infermieri chiamandoli “ristori“, mentre per i soccorritori non c’è nulla. “Siamo costretti – conclude il Mud del 118 – a restare bloccati con il paziente Covid nei pronto soccorso per ore per una assoluta mancanza di organizzazione. In più gli operatori non hanno le mascherine Ffp3, ma delle Ffp2 con scritta no medical”.Ospedali Covid

STATO DI AGITAZIONE AL CIVICO DI PALERMO

Precari non stabilizzati, indennità mai erogate e disagi per tutti i dipendenti dell’Arnas Civico: lo denunciano i sindacati Fials, Nursind e Nursing Up nel dichiarare lo stato di agitazione del personale del comparto, preannunciando un sit-in vicino ai locali dell’amministrazione.

Palermo è zona rossa – scrivono le segreterie aziendali – e gli ospedali stanno tornando alla saturazione. Il personale è esausto e continua a spendersi e a combattere ogni giorno tra promesse mancate e situazioni mai risolte”.

I sindacati segnalano al Civico la presenza di 150 precari tra partite iva e co.co.co che “da mesi attendono la stabilizzazione che però interesserà solo una trentina di loro, mentre nel 2022 dovrebbero essere almeno 60. E poi ci sono gli operatori socio sanitari dell’Arnas Civico, che in base alla legge Madia reclamano il diritto alla stabilizzazione. È assolutamente inaccettabile che nonostante in questa emergenza lo Stato abbia fornito di fatto tutti gli strumenti necessari per reclutare in maniera stabile e con le massime garanzie tutto il personale necessario, l’azienda continui a procrastinare l’atto finale”.

Fials, Nursind e Nursing Up segnalano inoltre una serie di provvedimenti mai attuati: “Progressioni verticali, progressioni orizzontali, vertenza parcheggio, adozione di graduatorie per l’adeguamento reale delle dotazioni organiche, verifiche sulla sicurezza degli ambienti lavorativi, adeguamento uffici di contabilità e persino buoni pasto, premialità Covid-19 del 2020, minibonus Covid marzo 2020. Tutti impegni presi e mai portati a termine”.

Altra criticità rilevata quella del servizio di assistenza psicologica: Hanno incamerato i soldi dei progetti per gli psicologi da più di un anno e non se ne sa più nulla. In questo momento ci sono solo tre psicologi per 3.500 dipendenti e per tutti i pazienti”. Tra le altre criticità i sindacati segnalano “le condizioni disastrose dell’autoparco e delle pertinenze”, e chiedono un’azione di bonifica.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin