Covid, 12-17enni ok per Moderna: un'arma in più per immunizzare giovani :ilSicilia.it

la decisione

Covid, 12-17enni ok per Moderna: un’arma in più per immunizzare giovani

di
28 Luglio 2021

Diventano due i vaccini anti-Covid che potranno essere utilizzati per l’immunizzazione dei più giovani, ovvero dei ragazzi dai 12 ai 17 anni. Dopo il vaccino Pfizer, anche quello prodotto da Moderna ha infatti ricevuto il via libera dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), dopo l’ok dei giorni scorsi da parte dell’Agenzia europea dei medicinali (Ema). Un’arma in più per dare maggiore spinta alla campagna vaccinale, anche in vista della riapertura delle scuole a settembre, e che vede il pieno appoggio dei pediatri. I vaccini, affermano, sono “sicuri” anche per questa fascia d’età.

L’ok definitivo è arrivato dalla Commissione Tecnico Scientifica (CTS) di Aifa, che ha dunque approvato l’estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Spikevax (Moderna) per la fascia di età tra i 12 e i 17 anni, accogliendo pienamente il parere espresso dall’Ema. Secondo la CTS, infatti, i dati disponibili dimostrano l’efficacia e la sicurezza del vaccino anche per i soggetti compresi in questa fascia d’età. Una pronuncia che vede pienamente concordi i pediatri. Come sottolineato infatti dalla presidente della Società italiana di pediatri (Sip), Annamaria Staiano, bisogna “insistere sul fronte delle vaccinazioni perché i dati attualmente disponibili dimostrano che i vaccini in questa fascia d’età, dai 12 anni in su, sono perfettamente sicuri”.

Per evitare di nuovo la didattica a distanza Dad, ha avvertito, “è importante ancora di più sensibilizzare i genitori e i ragazzi sulla certezza della vaccinazione anti-Covid, che è l’unica arma per combattere la diffusione del contagio”. Stigmatizzando quindi le tante fake news in circolazione su vaccinazioni e bambini – come il rischio di infertilità o di danni al Dna – Staiano invita genitori e ragazzi a stare tranquilli. La maggior parte dei soggetti in queste fasce d’età, chiarisce, “non presenta eventi avversi dopo la vaccinazione, però in un soggetto su dieci si possono verificare degli eventi avversi di lieve entità, che possono seguire anche ad altri tipi di vaccinazione, quali, ad esempio, dolore nel sito di iniezione, stanchezza, mal di testa, dolori muscolari e articolari, brividi, qualche volta diarrea, febbre, ma sono tutti sintomi aspecifici molto ben controllabili”. Quindi ad oggi “non sono riportati eventi avversi tali da poter incutere paura nei genitori circa la vaccinazione dei propri figli”.

Quanto al dibattito sull’obbligo vaccinale, “sebbene siamo veramente ancora molto lontani per la copertura vaccinale in questa fascia d’età, noi come società scientifica – rileva – non possiamo consigliare l’obbligo. Dobbiamo invece implementare la campagna di sensibilizzazione e diffondere le giuste conoscenze tra i genitori per renderli sempre più consapevoli di scegliere per il meglio”. Intanto, nuove evidenze scientifiche arrivano sul fronte dei vaccini in uso. L’azienda Pfizer ha infatti reso noto che una terza dose di vaccino anti-Covid rafforza la protezione contro la variante Delta, sottolineando che “nuovi studi mostrano che una terza dose ha effetti neutralizzanti della variante Delta cinque volte maggiori per coloro fra i 18 e i 55 anni dopo la seconda dose, e 11 volte maggiori per coloro fra i 65 e gli 85 anni”. Le autorità, aggiunge Pfizer, determineranno “se e a chi raccomandare” una eventuale terza dose. Un altro studio pubblicato sulla rivista Lancet dimostra invece che il rischio di avere una trombosi con trombocitopenia (Tts), l’evento avverso più grave associato in rarissimi casi al vaccino Astrazeneca, cala molto dopo la seconda dose, tornando ai livelli della popolazione generale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin