Covid-19, Asael: "Dare maggiore potere ai Comuni per tutelare i cittadini" :ilSicilia.it

per la ristrutturazione della medicina sul territorio

Covid-19, Asael: “Dare maggiore potere ai Comuni per tutelare i cittadini”

di
6 Giugno 2020

“L’emergenza sanitaria da Covid-19 ha visto i Comuni e i loro amministratori privi di poteri e mezzi con cui dover fronteggiare un evento catastrofico per tanti aspetti. Nel percorso di ritorno alla normalità, quindi, è necessario che il legislatore nazionale riconsideri il ruolo delle autonomie locali, puntando a un loro maggiore coinvolgimento nella giusta fase di ristrutturazione della medicina del territorio in direzione di una maggiore tutela della salute dei cittadini”. Lo afferma il presidente dell’Asael, associazione che riunisce gli amministratori locali siciliani, Matteo Cocchiara.

“Nella ristrutturazione del sistema di servizi socio-sanitari – aggiunge – bisogna pensare al ruolo che i Comuni possono e devono svolgere partendo da un punto di forza a loro favore: la conoscenza dei territori e dei bisogni dei cittadini, vera base per tutelare in modo più efficiente e moderno la salute”.

Secondo Cocchiara “una modernizzazione del sistema sanitario e un efficientamento delle strutture, coniugato con una piena e completa conoscenza del territorio e della sua popolazione, potrebbe di certo far avanzare sotto il profilo dell’efficienza e dell’efficacia l’azione dello Stato nella tutela della salute del cittadino”.

Il presidente dell’Asael immagina per l’ente locale “un ruolo sia sotto il profilo della programmazione che sul versante della verifica dell’efficacia dell’azione di Stato e Regione nella politica sanitaria”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.