Covid-19: focolaio al carcere Pagliarelli di Palermo, 31 detenuti positivi :ilSicilia.it
Palermo

Lo ha reso noto la direttrice del penitenziario

Covid-19: focolaio al carcere Pagliarelli di Palermo, 31 detenuti positivi

di
14 Gennaio 2021

Trentuno detenuti sono risultati positivi al Covid-19 al carcere Lorusso di Pagliarelli a Palermo.

Lo ha reso noto la direttrice del penitenziario, Francesca Vazzana. La scoperta è stata fatta ieri dopo che uno dei carcerati ha accusato sintomi febbrili. Il tampone ha confermato il sospetto. Pare che il focolaio sia partito tra i detenuti comuni che hanno continuato ad avere i colloqui con le famiglie.

Nonostante le raccomandazioni e gli inviti a mantenere le distanze, qualcuno si sarebbe avvicinato alla moglie e ai figli, da qui il passaggio del virus che ha contagiato diversi reclusi. Sono in corso tamponi anche sul personale.

I detenuti positivi quasi tutti asintomatici, tranne uno con la febbre, sono nella “zona rossa” creata nella struttura carceraria del Pagliarelli nel Reparto Pianeti.

Fino a questo momento il virus all’interno delle carceri siciliane non aveva creato grossi problemi, con soli tre reclusi positivi e 41 agenti penitenziari. Proprio in questi giorni il garante per la tutela dei diritti dei detenuti Giovanni Fiandaca aveva scritto al presidente della Regione Nello Musumeci e all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza per chiedere di inserire in modo prioritario i reclusi, gli agenti penitenziari e il personale che lavora negli istituti nella campagna vaccinale.

IL CMMENTO DI ANTIGONE SICILIA CON PINO APPRENDI

Apprendiamo dalla stampa che nel carcere di Palermo, Pagliarelli, ci sarebbero 31 contagiati da Covid, fatto estremamente grave che dà l’idea di come è  facile che all’interno di un carcere il virus possa entrare e presto espandersi, proprio per le condizioni in cui si trovano i detenuti, dove non possono essere garantite ed applicate, alla lettera, le norme di prevenzione contenute nei dpcm.
Già  da tempo Antigone sollecita chi Governa affinché diminuiscano le presenze in carcere, utilizzando pene alternative quali gli arresti domiciliari per chi ha qualche anno da scontare o per gli ammalati, per gli anziani.
A Palermo , come in altre città  siciliane dove ci sono carceri , manca il garante dei detenuti e il Comitato Esistono i Diritti sta conducendo da oltre un anno questa battaglia.
Lo dice Pino Apprendi presidente Antigone Sicilia

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin