Covid-19: tzunami o nubifragio? | I GRAFICI :ilSicilia.it

Covid-19: tzunami o nubifragio? | I GRAFICI

di
23 Ottobre 2020
Il primo grafico rappresenta il numero di ospedalizzazioni a partire dal mese di aprile in Sicilia praticamente fino ad oggi
Il secondo grafico rappresenta il numero di ricoveri in terapia intensiva dello stesso periodo
Il terzo grafico rappresenta la previsione del numero di posti letto necessari tra trenta giorni
L’ultimo la previsione dei posti letto di terapia intensiva a trenta giorni

GUARDA I GRAFICI IN ALTO

I dati sono sconcertanti. Sembriamo assistere ad una avanzata inarrestabile che potrebbe essere assimilabile ad uno tzunami. Ma è la metafora giusta per rappresentare il fenomeno? Lo tzunami è una forza della natura che non può essere né prevenuta né gestita in modo adeguato.

Forse COVID-19 somiglia più ad un nubifragio che a causa del dissesto idrogeologico e all’incapacità di prevedere gli enormi quantitativi d’acqua genera disastri e dove il fattore tempo fa la differenza.

Per capire quali conseguenze dobbiamo sopportare, il numero dei contagi non da una esatta idea dell’impatto sul sistema come invece il numero dei ricoveri, perché è proprio questo numero da cui dipende la resilienza dell’intero sistema paese oltre che del sistema sanitario. Queste sono le nostre previsioni realizzate in collaborazione con la NHA (Nursing & Health-care Association) e aggiornate agli ultimi dati disponibili.

I GRAFICI

Il primo grafico rappresenta il numero di ospedalizzazioni a partire dal mese di aprile in Sicilia praticamente fino ad oggi;

Il secondo grafico rappresenta il numero di ricoveri in terapia intensiva dello stesso periodo;

Il terzo grafico rappresenta la previsione del numero di posti letto necessari tra trenta giorni;

L’ultimo la previsione dei posti letto di terapia intensiva a trenta giorni.

LE PREVISIONI

Come si può vedere la curva tende ad una crescita esponenziale e fino ad esso nulla fa sperare in una modifica dei prevedibili incrementi fino a dicembre.

Ci auguriamo che i provvedimenti che si prenderanno portino a modificare l’attuale tendenza per rendere sostenibile l’impatto che il nostro sistema sanitario regionale deve sopportare.

Le previsioni fatte per l’Italia intera sono assolutamente sovrapponibili ma su scala nazionale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin