Covid, a Palermo e Catania manifestano in difesa dello sport e del lavoro :ilSicilia.it
Catania

La protesta di docenti e studenti

Covid, a Palermo e Catania manifestano in difesa dello sport e del lavoro

di
20 Febbraio 2021

Anche a Palermo e a Catania, come in altre città italiane, questa mattina hanno manifestato docenti e studenti di Scienze Motorie e diplomati Isef.

La protesta è rivolta al Dpcm del 14 gennaio “che ancora una volta lede il diritto di 80.000 professionisti di lavorare e di 6 milioni italiani di poter fare sport assistiti da specialisti” e per chiedere la nomina di un ministro dello Sport.

È incredibile come lo sport in questo paese sia stato abbandonato a se stesso“, dice Toti Longo, consulente dell’assessore regionale allo Sport Manlio Messina che ha partecipato in piazza del Parlamento alla protesta in scena a Palermo assieme al consigliere comunale della Lega Igor Gelarda.

A Catania i manifestanti si sono ritrovati in piazza Università con un testimonial d’eccezione, la pluricampionessa del mondo, ex capitano sel Settebello rosa, Giusi Malato.

Sono in tanti a non aver ricevuto ristori e comunque le somme sono risultate insufficienti dopo un anno di inattività e il fallimento di molte palestre e associazioni sportive- spiega Longo – La situazione è giunta a un punto di non ritorno ed è indicativo che in questo governo Draghi non ci sia un ministro per lo Sport“.

La nomina di una figura competente nel nuovo esecutivo, la possibilità di poter continuare a lavorare e la immediata calendarizzazione e approvazione del disegno di legge per l’insegnamento curriculare dell’educazione motoria nella scuola primaria sono alcune delle rivendicazioni dei docenti, degli studenti di Scienze motorie e dei diplomati Isef.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin