Covid, a Palermo e Catania manifestano in difesa dello sport e del lavoro :ilSicilia.it
Catania

La protesta di docenti e studenti

Covid, a Palermo e Catania manifestano in difesa dello sport e del lavoro

di
20 Febbraio 2021

Anche a Palermo e a Catania, come in altre città italiane, questa mattina hanno manifestato docenti e studenti di Scienze Motorie e diplomati Isef.

La protesta è rivolta al Dpcm del 14 gennaio “che ancora una volta lede il diritto di 80.000 professionisti di lavorare e di 6 milioni italiani di poter fare sport assistiti da specialisti” e per chiedere la nomina di un ministro dello Sport.

È incredibile come lo sport in questo paese sia stato abbandonato a se stesso“, dice Toti Longo, consulente dell’assessore regionale allo Sport Manlio Messina che ha partecipato in piazza del Parlamento alla protesta in scena a Palermo assieme al consigliere comunale della Lega Igor Gelarda.

A Catania i manifestanti si sono ritrovati in piazza Università con un testimonial d’eccezione, la pluricampionessa del mondo, ex capitano sel Settebello rosa, Giusi Malato.

Sono in tanti a non aver ricevuto ristori e comunque le somme sono risultate insufficienti dopo un anno di inattività e il fallimento di molte palestre e associazioni sportive- spiega Longo – La situazione è giunta a un punto di non ritorno ed è indicativo che in questo governo Draghi non ci sia un ministro per lo Sport“.

La nomina di una figura competente nel nuovo esecutivo, la possibilità di poter continuare a lavorare e la immediata calendarizzazione e approvazione del disegno di legge per l’insegnamento curriculare dell’educazione motoria nella scuola primaria sono alcune delle rivendicazioni dei docenti, degli studenti di Scienze motorie e dei diplomati Isef.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin