Covid: a Palermo si vaccina h24 con un nuovo padiglione alla Fiera. È il primo in Italia | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

nuovo padiglione alla fiera

Covid: a Palermo si vaccina h24 con un nuovo padiglione alla Fiera. È il primo in Italia | FOTO

di
18 Maggio 2021

GUARDA LA GALLERY IN ALTO

Vaccini anti-Covid ventiquattr’ore su ventiquattro: Palermo fa da apripista. L’hub della Fiera del Mediterraneo aumenta al massimo i suoi sforzi per dotare la città di un polo vaccinale sempre aperto, giorno e notte. Si tratta del primo hub siciliano a vaccinare h24 e, per quanto a conoscenza della struttura commissariale di Palermo, anche del primo hub h24 in Italia.

Sarà possibile con l’attivazione di un nuovo spazio: il padiglione 20A, ribattezzato anche padiglione degli acquerelli, una porzione sottostante il padiglione 20, il locale della Fiera del Mediterraneo dove attualmente si effettuano oltre 4000 vaccinazioni giornaliere. L’obiettivo, una volta a regime, è incrementare le somministrazioni di circa 1000-2000 unità, arrivando a 6000 vaccini al giorno nel solo hub provinciale di Palermo.

L’apertura di questo nuovo Polo – evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci, assente giustificato per via delle precauzioni adottate dopo la positività di una componente della Giunta – è un ulteriore impulso alla campagna vaccinale in Sicilia, che proprio ieri ha superato i due milioni di dosi somministrate. Ormai, giorno dopo giorno, nonostante ci sia ancora qualche problema con l’approvvigionamento dei vaccini, sembra che la macchina abbia ingranato la marcia giusta. Anche l’iniziale diffidenza da parte di alcuni verso la vaccinazione sembra ormai superata. Che il Centro dell’ex Fiera del Mediterraneo possa essere il primo in Italia a funzionare ventiquatt’ore al giorno rappresenta per il mio governo un ulteriore motivo di orgoglio. Per questo voglio ringraziare la Protezione civile regionale, i volontari, la struttura commissariale per l’emergenza Covid a Palermo e tutti i sanitari impegnati in questa comune battaglia. Sono certo che, con la collaborazione di tutti, usciremo presto dal tunnel”.

L’h24 partirà da venerdì 21 maggio (dalla mezzanotte a cavallo tra giovedì 20 e venerdì 21) e funzionerà in questo modo:

  • dalle 8 alle 24 vaccini al padiglione 20, che chiuderà a mezzanotte;
  • dalle 24 alle 8 vaccini al padiglione 20A, che chiuderà al mattino, in contemporanea con la riapertura del 20.

La vaccinazione al padiglione 20A sarà aperta solo ai cittadini nelle fasce 16-59 anni con patologie non gravi e 40-59 anni senza patologie.

“Siamo i primi in Sicilia e, da quanto ci risulta, anche in Italia ad attivare l’h24 – dichiara il commissario Covid della Città metropolitana di Palermo Renato Costa -. Ci riempie di orgoglio il fatto di mettere a disposizione un hub vaccinale che non si ferma mai. Lo volevamo con tutte le nostre forze perché l’imperativo è vaccinare, vaccinare, vaccinare. Siamo stati tra i primi anche ad attivare l’apertura notturna dell’hub: dal 9 aprile la Fiera del Mediterraneo è infatti aperta dalle 8 a mezzanotte. Ora lavoreremo no stop, ma con l’energia di chi sa di contribuire a una missione importante: la tutela della salute collettiva. Prima ci immunizziamo, prima torneremo alle nostre vite”.

Il nuovo polo vaccinale sorge in un’area da oltre 1600 metri quadrati. Può ospitare un massimo di 270 persone. Comprende altri due corridoi vaccinali, per un totale di sette, con i cinque del padiglione 20. Le postazioni vaccinali saranno 16. All’interno del nuovo spazio si snoda il percorso di anamnesi, somministrazione e osservazione post-vaccino, proprio come il padiglione 20. Circa settanta le unità di personale impiegate, tra medici, infermieri, amministrativi, volontari, sicurezza.

Lo spazio è chiamato anche padiglione degli acquerelli per l’esposizione, sulle pareti del locale, di una serie di opere di Benedetta Gabriella Gargano, operatrice sanitaria, pedagogista dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo. I suoi acquerelli erano già stati esposti a Villa Niscemi nel 2014, nell’ambito della mostra “Viaggio dello sguardo verso l’oltre”. A organizzare l’esposizione il Rotary Club di Palermo Montepellegrino e di Palermo Est che da mesi lavorano insieme all’iniziativa Elpi Gallery, un progetto che si prefigge di portare l’arte e la bellezza negli ospedali e nei luoghi di cura.

Martedì 18 maggio la presentazione del nuovo spazio vaccinale alla stampa, alla presenza del prefetto di Palermo Giuseppe Forlani; del sindaco di Palermo Leoluca Orlando; del direttore generale del Dipartimento di Pianificazione strategica dell’assessorato della Salute della Regione Siciliana Mario La Rocca; del comandante militare dell’Esercito in Sicilia, generale di divisione Maurizio Angelo Scardino; del dirigente generale della Protezione Civile della Regione Siciliana Salvatore Cocina; del commissario Covid della Città metropolitana di Palermo Renato Costa; del direttore generale dell’Asp Daniela Faraoni.

IL SINDACO DI PALERMO

L’obiettivo è tornare ad una vita normale. Abbiamo messo a disposizione della gente la Fiera del Mediterraneo con tamponi, vaccini e oggi questo nuovo padiglione che consentirà di poter vaccinare h24“. Ha commentato così  il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, a margine della presentazione del nuovo Padiglione 20/A nell’hub vaccinale della Fiera del Mediterraneo.

“Come città metropolitana – ha aggIunto – abbiamo messo a disposizione anche il palazzetto dello sport di Cefalù, di Bagheria e l’area industriale di Misilmeri. È un modo per rendere il vaccino più accessibile a tutti. Questa emergenza ci deve insegnare ad uscire dall’egoismo e dall’individualità e renderci conto che nella pandemia siamo tutti membri della stessa comunità. Programmazione e prevenzione sono fondamentali, oggi possiamo dire, a seguito della pandemia, di avere uno screening della popolazione siciliana. Attraverso i dati forniti per la vaccinazione conosciamo lo stato di salute dei cittadini siciliani. Dobbiamo ancora insistere sugli ultra ottantenni che stentano a vaccinarsi”, ha concluso il sindaco

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin