Covid: Asp Catania promuove vaccini in comuni sotto soglia del 70% | FOTO :ilSicilia.it
Catania

il tavolo tecnico

Covid: Asp Catania promuove vaccini in comuni sotto soglia del 70% | FOTO

di
26 Agosto 2021

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Le nuove misure di potenziamento e di promozione delle vaccinazioni sono state al centro del tavolo tecnico, convocato oggi, dai vertici dell’Asp di Catania e dal Commissario per l’emergenza Covid, al quale hanno partecipato i sindaci, i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta dei quindici Comuni e i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali.

Apertura di nuovi punti vaccinali, potenziamento della rete di vaccinazione di prossimità, promozione della vaccinazione fra la popolazione con info point e incontri divulgativi con esperti, coinvolgimento delle farmacie, una rete di supporto amministrativo e informatico per i medici di medicina generale e la sinergia fra Asp, sindaci e medici di medicina generale.

Sono le prime azioni messe in campo dal tavolo tecnico convocato oggi, presso il Centro Congressi dell’Ospedale “Cannizzaro”, dai vertici dell’Asp di Catania e dal Commissario per l’emergenza Covid per l’area metropolitana di Catania, per programmare e attivare tutte le misure idonee al fine di raggiungere il target del 70% dei vaccinati in prima dose nei Comuni della provincia di Catania individuati nell’Ordinanza contingibile e urgente del Presidente della Regione Siciliana n. 85 del 22 agosto u.s. fra quelli con una percentuale di immunizzazione inferiore al 60% (Aci Castello, Castel di Iudica, Fiumefreddo di Sicilia, Grammichele, Gravina di Catania, Mascalucia, Mazzarrone, Motta Sant’Anastasia, Palagonia, Ramacca, San Cono, San Michele di Ganzaria, San Pietro Clarenza, Valverde e Viagrande).

L’Ordinanza presidenziale – spiega il manager dell’Asp di Catania, dott. Maurizio Lanzaindividua gli attori di questa azione. Mi riferisco ai sindaci, all’Asp, ovviamente, come regia di tutta l’attività, ma anche ai medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta e ai sindacati. La logica è di trovare nuove modalità, magari non solo operative, ma anche organizzative e amministrative, per migliorare le attuali performance per alcuni Comuni e conseguire gli obiettivi indicati dalla stessa Ordinanza. Gli sforzi saranno minimi per alcuni Comuni, parliamo di 500 vaccini circa, per altri invece l’impegno dovrà essere maggiore. Oggi abbiamo condiviso alcune attività da intraprendere subito, monitoreremo l’andamento delle vaccinazioni e ci aggiorneremo per apportare i correttivi che saranno necessari”.

All’incontro di oggi, sono intervenuti i sindaci (o loro delegati) dei Comuni interessati, i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali della medicina generale e numerosi medici di famiglia e pediatri di libera scelta dei quindici Comuni interessati.

Hanno porto il loro saluto ai partecipanti, inoltre, il direttore amministrativo dell’Asp di Catania, dott. Giuseppe Di Bella, il direttore generale e il direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera “Cannizzaro”, dr. Salvatore Giuffrida e dr.ssa Diana Cinà.

Abbiamo riunito oggi tutte le forze sociali che possono aiutarci a convincere a vaccinarsi chi ancora non lo ha fatto – afferma il dr. Antonino Rapisarda, direttore sanitario dell’Asp di Catania -. Dalla sinergia che abbiamo riscontrato e per la quale ringrazio tutti, oggi può partire un’azione compatta che ci aiuti a mettere in sicurezza la popolazione nel più breve tempo possibile. L’obiettivo indicato è del 70% di vaccinati, in prima dose, nei Comuni indicati. Dalle disponibilità registrate e dai processi attivati sono fiducioso del risultato. Invito quindi i cittadini a vaccinarsi e nel frattempo a rispettare tutte le regole per contenere i contagi”.

Partecipato il dibattito nel quale hanno preso la parola tutti i sindaci, ovvero i loro delegati, che hanno illustrato la situazione dei loro Comuni; e i rappresentanti sindacali che hanno manifestato la loro disponibilità alla collaborazione e hanno espresso il plauso all’Asp per il supporto amministrativo e informatico che garantirà. Fra i temi discussi anche la sottoscrizione di un apposito accordo decentrato per le vaccinazioni anti-Covid e la questione dei medici non ancora vaccinati o che non promuovono la vaccinazione fra gli assistiti.

Ci sono medici che non si fidano delle linee guida, non credono alla scienza e suggeriscono ai propri assistiti di non fare il vaccino – afferma il dr. Pino Liberti, Commissario per l’emergenza Covid per l’area metropolitana di Catania –. E questa è una triste realtà. Tutto ciò crea un grave danno ai loro pazienti, alla società e all’economia. Mi chiedo: quanti di questi medici mettono per iscritto il consiglio di non vaccinarsi, assumendosi così la responsabilità di un possibile decesso causato dal Covid? Per fortuna la stragrande maggioranza dei medici la pensa diversamente, ma occorre fare fronte comune per aumentare il numero di immunizzati. In tal senso siamo disponibili ad accogliere ogni iniziativa utile e stare a fianco dei sindaci e dei medici di medicina generale, fornendo tutto il supporto necessario: logistico-organizzativo, economico e informatico”.

Presenti al tavolo tecnico i direttori dei Dipartimenti di Prevenzione, Attività territoriali e Farmaco, i direttori dei Distretti sanitari competenti per territorio, i direttori delle Unità Operative Cure Primarie e Epidemiologia, il responsabile del Servizio Sociale professionale dell’Asp di Catania, l’equipe di coordinamento delle vaccinazioni di prossimità.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.