Covid, aumentano i positivi nelle carceri siciliane: 220 i nuovi casi :ilSicilia.it

l'andamento della pandemia

Covid, aumentano i positivi nelle carceri siciliane: 220 i nuovi casi

di
19 Gennaio 2022

Sono 220 i positivi all’interno delle carceri siciliane con alcuni focolai significativi solo nella Sicilia orientale. I dati, aggiornati al 18 gennaio, sono stati chiesti dal Garante dei diritti fondamentali dei detenuti, Giovanni Fiandaca per monitorare l’andamento della pandemia all’interno delle strutture carcerarie dopo i casi emersi negli istituti penitenziari di Siracusa (80 positivi circa) e Augusta (poco meno di 40).

C’è – dice Fiandaca come prevedibile un lieve aumento dei contagi che non desta però particolare allarme. Nella gran parte degli altri Istituti collocati sia al centro che nella Sicilia occidentale (comprese le carceri di Pagliarelli e Ucciardone a Palermo), i positivi oscillano da un minimo di 2 a circa 30 unità e vi sono anche sedi senza nessun contagio“.

Il numero totale di reclusi positivi, se giustifica la massima attenzione da parte dell’autorità penitenziaria e sanitaria territorialmente competenti – prosegue Fiandaca –, è al momento sotto controllo: per fortuna tutti i soggetti sono a gestione interna e nessuno presenta disturbi gravi. Merito dei vaccini e delle misure preventive assunte fino ad oggi. Per controllare la diffusione del virus è necessario, adesso, incrementare le misure di contenimento dell’epidemia, a cominciare da una adeguata distribuzione di mascherine, sia chirurgiche, sia in particolare Ffp2, alla popolazione detenuta“.

Per questo Fiandaca si rivolge ad associazioni di volontariato, enti e semplici cittadini: “Essendovi un grande fabbisogno di tali dispositivi che andrebbero cambiati almeno una volta al giorno, sarebbe utile che alla fornitura di questo strumento protettivo (specie in carceri con elevata popolazione detenuta come il Pagliarelli) contribuissero con donazioni tutti coloro che sono sensibili alle condizioni di vita dei detenuti negli Istituti di pena“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.