Covid, Bandiera: "Necessario riproporre aiuti a fattorie didattiche e agriturismi" :ilSicilia.it

l'intervento dell'ex assessore regionale all'agricoltura

Covid, Bandiera: “Necessario riproporre aiuti a fattorie didattiche e agriturismi”

di
17 Aprile 2021

“Le festività Pasquali ed i ponti del 25 aprile e dell’1 maggio, rappresentano, per gli agriturismi, i periodi di maggiori introiti e spesso contribuiscono in maniera determinante al bilancio annuale delle aziende. Consapevoli di ciò e considerata la chiusura che ha colpì gli agriturismi, gli agricampeggi e il blocco totale delle attività, subito dalle fattorie didattiche e scaturito dallo stop di ogni attività scolastica in presenza, lo scorso anno, attraverso la emissione, nel mese di ottobre, dell’Avviso 21, che mise a bando 5 milioni di euro, riuscimmo, in poche settimane, a far giungere, a 530 tra aziende agrituristiche e fattorie didattiche, un contributo, che nella quasi totalità dei casi ammontava a 7.000 euro, per ogni azienda, interamente a fondo perduto. Il tutto, con fondi comunitari del Programma di Sviluppo Rurale e quindi senza neanche gravare sul bilancio regionale”.

L’ex assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, interviene sulla crisi Covid delle aziende siciliane e sprona il governo regionale a riproporre aiuti.

Il perdurare della pandemia e quindi delle chiusure di queste attività, non fa altro che riproporre il problema, ponendolo in maniera dirompente e certamente aggravato, in quanto, le aziende in questione, trascinano, con esse, le ferite di oltre un anno di inattività totale. Per tale ragione e certo delle sensibilità presenti in Regione, anche su questo comparto strategico per la Sicilia, invito il Governo della Regione, a voler riproporne, con immediatezza, quanto fatto lo scorso anno, anche approfittando delle procedure già collaudate che, cosa inusuale in varie parti del Paese, videro, in poche settimane, giungere nelle tasche degli agriturismi, degli agricampeggi e delle fattorie didattiche Siciliane, aiuti concreti, rapidi e significativi”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin