Covid, Costa: "La Sicilia tornerà presto in zona gialla" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione del commissario

Covid, Costa: “La Sicilia tornerà presto in zona gialla”

di
13 Maggio 2021

Sono convinto che la Sicilia potrà tornare in zona gialla. Avere gli ospedali senza ulteriori pressioni, essere nelle condizioni di chiudere alcuni reparti Covid e destinarli di nuovo alle altre patologie, notare come al nostro drive in per i tampini la percentuale dei positivi è scesa sotto il 2%, sono tutti buoni segnali”. Lo dice il commissario per l’emergenza Covid a Palermo, Renato Costa, presente alle vaccinazioni in corso alla “Missione Speranza e Carità” di Biagio Conte che ospita poveri e senzatetto.

Dobbiamo però comprendere che tra il lockdown e il liberi tutti c’è un mondo. Non vorrei – aggiunge – che in zona gialla a qualcuno venisse l’idea che è finito tutto e che possiamo rilassarci e abbandonare le mascherine. Ovviamente non è così: per mantenerci in zona gialla occorre massima prudenza“.

Alla Fiera del Mediterraneo sia ieri che oggi sono arrivati in tanti per vaccinarsi – osserva – e noi vacciniamo tutti. La settimana prossima apriamo anche il secondo hub alla Fiera per aumentare la quota delle somministrazioni. Questo secondo padiglione cercheremo di tenerlo aperto 24 ore su 24. Da lunedì partono le prenotazioni per gli over 40 e e vaccineremo tutti con qualunque vaccino. Solo così ne usciremo presto

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin