Covid: dai criceti agli ippopotami, tanti gli animali colpiti :ilSicilia.it

l'annuncio

Covid: dai criceti agli ippopotami, tanti gli animali colpiti

di
12 Dicembre 2021

Due ippopotami dello zoo di Anversa hanno avuto solo un po’ di raffreddore, ma in uno nel Nebraska le gravi complicazioni da Covid-19 hanno ucciso tre leopardi delle nevi.

Nel giardino zoologico di San Diego si sono ammalati i gorilla senza gravi conseguenze, ma alcuni criceti muoiono con estrema facilità per il virus.

Il Journal of Virology ha accertato che una specie di cervo diffusa nelle Americhe è in grado di trasmettere da individuo a individuo il coronavirus come accade fra noi. Nelle case i cani difficilmente possono sviluppare il virus, diversamente dai gatti, molti dei quali sono morti, mentre per fortuna finora sembra che topi e ratti non siano particolarmente suscettibili a contrarre il virus.

Il Covid-19 sembra colpire una grande varietà di animali in giro per il mondo, con esiti tanto variegati quanto lo sono quelli sull’uomo, ma nella stragrande maggioranza dei casi è da quest’ultimo che i mammiferi grandi e piccoli si infettano con il coronavirus. Questo il parere di esperti interpellati dal Guardian, che rimarcano sul fatto che gli animali, i mammiferi, costituiscono un’incognita per lo sviluppo della pandemia. Come è (probabilmente) venuto da un mammifero, il pipistrello, ed è sicuramente tornato agli animali, in questi ultimi il coronavirus potrebbe prendere strade diverse, magari sviluppare varianti autonome: “Noi ci concentriamo per sradicare il virus dagli esseri umani, ma in questo momento il virus potrebbe star mutando in silenzio in altre specie animali diventando sempre più ingestibile”, paventa Margaret Hosie, docente di virologia comparata all’università di Glasgow.

Ma finora, più che gli animali selvatici, a essere colpiti sono gli animali domestici in primis, gli animali in cattività e quelli d’allevamento. In Olanda e in altri Paesi migliaia di visoni infetti sono stati abbattuti, altri isolati dall’uomo. Ma c’è anche l’opzione dei vaccini: in Russia i veterinari sono autorizzati a iniettare un prodotto chiamato Karnivak-Kov a cani e gatti. Negli Usa è stato autorizzata la l’uso caso per caso di un vaccino della Zoetis, che verrà intanto inoculato alle grandi scimmie dello zoo di San Diego.

Quanto agli animali domestici, il consiglio di Rebecca Fisher, epidemiologa della A&MUniversity del Texas, citata dal Guardian, è di “non coccolarli troppo se siete malati o convalescenti”. “Dobbiamo fare del nostro meglio per proteggerli, come faremmo con i bambini”, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.