Covid, due positivi a Villafrati: torna la paura in una delle prime "zone rosse" della Sicilia :ilSicilia.it
Palermo

dopo un banchetto per un anniversario

Covid, due positivi a Villafrati: torna la paura in una delle prime “zone rosse” della Sicilia

di
25 Settembre 2020

Due nuovi positivi al Covid-19 e 150 tamponi in parte eseguiti e in parte da effettuare da parte dell’azienda sanitaria di Palermo. A Villafrati (Pa) una delle prime “zone rosse” in Sicilia nel corso del lockdown l’amministrazione comunale torna ad occuparsi della presenza del virus nel territorio.

La prima volta il centro dell’epidemia era stata una delle Rsa che si trovano in paese, Villa delle Palme, adesso la causa della infezione potrebbe essere un banchetto in occasione di un anniversario. Tra gli ospiti qualcuno che lavora in una delle scuole del paese e anche un alunno.

Il sindaco Francesco Agnello ha disposto la chiusura dell’asilo e della materna; scuola elementare e media restano aperte.

“Attendiamo l’esito dei 50 tamponi già eseguiti oggi e i 100 che saranno eseguiti domani – dice il sindaco – Solo dopo questi risultati prenderemo nuovi provvedimenti. Al momento chiedo a tutti di mantenere la calma e non farsi prendere dal panico. Abbiamo passato mesi pesanti e saremo in grado di gestire anche questa situazione”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.