Covid, editori siciliani convocano conferenza stampa: "Alcun risultato dalla finanziaria d'emergenza" :ilSicilia.it

venerdì 29 ottobre alle ore 11.00 a Villa Filippina

Covid, editori siciliani convocano conferenza stampa: “Alcun risultato dalla finanziaria d’emergenza”

di
27 Ottobre 2021

Gli editori siciliani del settore librario hanno annunciato per mezzo di un comunicato stampa la convocazione di una conferenza stampa per discutere dei danni provocati dalla pandemia nel settore.  “Durante la manovra finanziaria “anti-Covid” del 2020 sono state approvate risorse per 1,3 miliardi di euro orientate a contrastare gli effetti della pandemia da Coronavirus in Sicilia. Su impulso degli editori siciliani, supportati da un gran numero di esponenti della cultura (la lettera aperta veniva firmata da più di 650 scrittori, attori, registi teatrali, ecc.), l’Assemblea regionale siciliana ha approvato in quel frangente una norma a sostegno dell’editoria di libri cartacei“.

Una finanziaria “d’emergenza” – proseguono – di cui gli editori – dopo quasi due anni di richieste, incontri e promesse disattese – ancora adesso non hanno visto alcun risultato. Perché gli Assessorati Regionali dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana e delle Attività Produttive non hanno ancora messo in atto la legge di stabilità regionale (disegno di legge n. 733 del 2 maggio 2020) assegnando i fondi a sostegno dell’editoria? Aspettano forse che in Sicilia si estingua definitivamente la produzione libraria? O credono che gli editori possano ancora aspettare a lungo risorse a loro destinate nel maggio 2020? È bene ricordare che, durante la pandemia, la completa assenza di fiere e di eventi, l’impossibilità di realizzare le presentazioni fondamentali per diffondere e promuovere i libri, l’assenza di contatto diretto con il pubblico hanno gravato pesantemente su una situazione di partenza di certo non rosea“.

La Sicilia, infatti, è ultima in Italia per numero di lettori, nonché una delle pochissime regioni dove non esiste alcuno strumento che supporti stabilmente la filiera del libro (si registra, per esempio, l’assenza d’incentivi per la partecipazione a fiere nazionali e internazionali). Oggi siamo ancora lontani dal ritorno alla normalità, viviamo in un periodo di incertezze e di restrizioni: per esempio, non è possibile organizzare una presentazione con piena capienza in libreria, e ogni fiera nazionale a cui preventivamente aderiamo con anticipi e saldi onerosi, può sempre essere annullata all’ultimo momento. Per questo, – concludono – gli editori siciliani chiedono lo sblocco immediato dei contributi regionali ad essi destinati e, tal fine, convocano una conferenza stampa venerdì 29 ottobre alle ore 11.00 a Villa Filippina, piazza San Francesco di Paola 18, Palermo“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin