Covid, Facebook non blocca più post su origine virus in laboratorio :ilSicilia.it

la novità

Covid, Facebook non blocca più post su origine virus in laboratorio

di
27 Maggio 2021

“Alla luce delle indagini in corso sull’origine del Covid e dopo consultazioni con i nostri esperti di salute pubblica, non rimuoveremo più dalle nostre piattaforme le affermazioni che il Covid è stato generato” in laboratorio. Così un portavoce di Facebook ha spiegato al sito ‘The Hill’ la decisione del social media di interrompere la misura che vietava la pubblicazione di post in cui si speculava sull’origine della pandemia, compresa quella che sia stata provocata da un incidente in laboratorio.

“Stiamo continuando a lavorare con gli esperti per mantenerci al passo con la natura in evoluzione della pandemia e aggiornare regolarmente le nostre politiche man mano che emergono nuovi fatti e tendenze” ha aggiunto il portavoce di Facebook che, lo scorso dicembre, ha annunciato che avrebbe presi di mira i post contenenti disinformazioni riguardo al Covid.

La decisione di Facebook arriva dopo che il presidente Joe Biden ha annunciato di aver chiesto all’intelligence di “raddoppiare gli sforzi” per arrivare entro 90 giorni ad una “conclusione definitiva” riguardo all’origine del virus.

Il Senato, la notte scorsa, ha poi approvato una legge che impone all’intelligence di declassificare, sempre entro 90 giorni, tutte le informazioni relative all’origine del virus, in particolare sul ruolo della Cina.

 

 

 

Fonte: AdnKronos
© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin