Covid, Forlani: "A Palermo controlli intensificati, obiettivo intercettare gli assembramenti" :ilSicilia.it
Palermo

Parla il prefetto della città

Covid, Forlani: “A Palermo controlli intensificati, obiettivo intercettare gli assembramenti”

di
24 Gennaio 2021

Condivido con tutti i miei colleghi le preoccupazioni del Presidente Musumeci e siamo impegnati ad intensificare e rendere ancora più efficaci i controlli. Se vogliamo superare questo momento dobbiamo collaborare tutti per far sì che si abbassi l’indice RT, portarlo sotto l’1 vuol dire che la possibilità di essere contagiati si riduce e significa anche ridurre la pressione sugli ospedali e sviluppare la campagna vaccinale in modo migliorare appena potrà riprendere con la consegna dei vaccini“. Questo l’appello del Prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani– nel corso di un’intervista con l’agenzia Italpress- all’indomani dell’incontro con il presidente della Regione, Nello Musumeci, gli altri prefetti siciliani, l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, e l’assessore ai Trasporti, Marco Falcone.

Il Prefetto Forlani si e’ anche soffermato ampiamente sulla richiesta del governatore siciliano di intensificare i controlli nell’ultima settimana di zona rossa, che sarà decisiva per determinare il “colore” della Sicilia nel prossimo mese. “In tutte le province c’è un’attività continua, di monitoraggio, di confronto, fra le autorità sanitarie, le forze di polizia e i Comuni che sono naturalmente sui territori i sensori più attenti di quello che accade – ha spiegato Forlani all’Italpress-. Come ha ricordato ieri anche il questore, le dichiarazioni mendaci, al di là della sanzioni amministrativa per la violazione del Dpcm e dell’ordinanza di Nello Musumeci, costituiscono comunque un reato perché le false dichiarazioni al pubblico ufficiale sono reati, quindi questa intensificazione di’ attività, favorita dalla normativa più stringente da domenica scorsa, ha portato ad oltre 15mila 500 controlli sulle persone e oltre 600 sanzioni. Il controllo sugli esercizi commerciali, solo in quest’ultima settimana, quindi in modo rafforzato rispetto anche a tutte le settimane precedenti, segna quasi 2500 attività economiche controllate con 36 operatori sanzionati e 7 locali chiusi“.

Impegnate nei controlli tutte le forze dell’ordine di ogni ordine e grado: polizia stradale, polizia di frontiera, polizia ferroviaria, polizia municipale, forze militari, reparto prevenzione crimine e Guardia di Finanza, militari dell’esercito dell’operazione “Strade sicure”.

Gli operatori commerciali lamentano che ci sono operatori che anche abusivamente svolgono attività vietate, o anche attività consentite che però eccedono nella loro – ha spiegato il prefetto -. Abbiamo attivato la Guardia di Finanza proprio per raccogliere tutte le segnalazioni che possono pervenire da parte dei cittadini o degli operatori economici e solo la Guardia di Finanza ha in questa settimana operato diverse sanzioni e chiusure”. Una situazione che vede quindi un controllo massiccio sotto tutti i punti di vista per disincentivare la gente a muoversi per futili motivi: “I target che cerchiamo di intercettare, oltre chi non usa la mascherina, chi per strada non usa il distanziamento, sono i luoghi di assembramento. La settimana scorsa ma anche questa settimana saremo impegnati sicuramente a concorrere con le Poste Italiane nell’accesso agli sportelli postali perché c’è il pagamento delle pensioni, la settimana scorsa c’erano altri adempimenti“.

Tra i casi spinosi anche alcuni che necessitano l’intervento di più pattuglie: “C’e’ un’attività molto dinamica svolta dalle forze presenti nelle varie zone, non solo nella città di Palermo ma anche nella provincia. L’altro target che abbiamo ben presente e’ per la misura rafforzata che il Dpcm ha disposto, anche con l’ordinanza del presidente Musumeci, del divieto di asporto dopo le 18 negli esercizi che non hanno cucina; questo per evitare che ci possano essere asporto e consumo nelle aree pubbliche e che sono vietate con assembramenti che possono essere pericolosi. Abbiamo chiuso degli esercizi proprio per questo”.  “L’interesse è al contenimento del contagio innanzitutto – spiega Forlani – perché vuol dire che la gente non si ammala ed è il pericolo maggiore che le persone devono temere; e’ quello di contagiare. Deve essere interesse di tutti perché solo riducendo il contagio possiamo allentare le misure di contenimento che veramente consentire a tanti operatori di poter riprendere le proprie attività, uscire dalle sofferenze che hanno“.

Uno degli allarmi lanciati da Forlani è però anche quello relativo alla distribuzione dei contagi e dove si contrae il virus: “In merito ai contagi, si considerano più di 300 nella provincia di Palermo e tendono a concentrarsi in modo anche importante più nella provincia che nella città. In proporzione alla popolazione ci sono dei comuni in cui la crescita dei contagi e’ seguita con grande attenzione, quindi anche lì i nostri controlli devono essere esercitati in modo appropriato. Il secondo punto e’ che si registra l’origine di quel contagio da contatti domiciliari: le persone con la chiusura dei ristoranti non rispettano i divieti di ritrovarsi nelle case e quindi questo e’ sicuramente in molti casi l’origine di focolai che possono riguardare anche un numero di persone significative”.

Dai dati statistici e dai movimenti della gente un dato importante che è stato riscontrato è quello che probabilmente, la popolazione, rispetto ai mesi scorsi, sembra aver meno paura di essere contagiata: “Constatiamo non solo a Palermo, ma anche nelle altre province che per esempio c’è una minore disponibilità a fare i tamponi. Vengono attivate iniziative di screening di massa ma le adesioni non sono quelle che ci si aspetterebbe; c’è un’attenzione sulle scuole, ma allo screening scolastico non c’è una partecipazione che ci si aspetterebbe. Altro tema che le autorità sanitarie registrano è che nel momento in cui la persona risulta positiva è piuttosto restia ad indicare quali sono i contatti che ha avuto, cioè a riconoscere i comportamenti che possono avere in qualche modo favorito il suo contagio ma anche potenzialmente rischioso per altri; ci si limita al contesto familiare e non si indicano altre persone che possono essere state incontrate nei tre giorni precedenti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.