Covid, i sindaci siciliani chiedono di non aprire le scuole :ilSicilia.it

LE DICHIARAZIONI

Covid, i sindaci siciliani chiedono di non aprire le scuole

di
8 Gennaio 2022

A fronte dei 343 contagi ufficiali ce ne sono almeno altri 800 non ancora caricati nel sistema dei dati del servizio epidemiologico dell’Asp. Senza uno screening urgente sulla popolazione scolastica impedirò la riapertura delle scuole lunedì”.

FRANCESCA VALENTI

Lo dice Francesca Valenti, sindaco di Sciacca (Agrigento) annunciando di essere pronta a firmare un’ordinanza per fare slittare la chiusura delle scuole almeno fino al15 gennaio.

Spero che il presidente Musumeci assuma una decisione per l’intera regione – aggiunge – ma se così non fosse io lo farò per il mio comune, perché qui non ci sono le condizioni per far tornare migliaia di bambini e ragazzi in classe e con questa situazione esplosiva“.

Tracciamento dei casi Covid pressoché inesistente e caos organizzativo soprattutto nella scuola, dove alle misure insufficienti disposte dal governo nazionale si aggiungono anche l’incertezza e lo scaricabarile sui sindaci che, in zona gialla, non hanno alcun potere decisionale per un eventuale stop alla didattica in presenza“.

Lo dice il sindaco di Salemi, Domenico Venuti (Pd), intervenendo nel dibattito sull’apertura delle scuole, per quanto riguarda il centro trapanese, è confermata al 10 gennaio. L’Asp di Trapani ha, infatti emanato un provvedimento con il quale, secondo parametri scientifici, propone alla Regione l’istituzione della zona arancione per tutti i Comuni della provincia di Trapani ad eccezione di Salemi e Vita, dove in questo momento non si registrano alti parametri di contagio. Secondo Venuti “in questi ultimi giorni in Sicilia si è respirata un’aria di caos, la stessa che si respira ancora a 48 ore dal rientro in classe, per colpa di una macchina decisionale impreparata e disorganizzata, tanto sulla scuola quanto su tamponi e tracciamenti”.

Domenico Venuti,
Domenico Venuti

Il sindaco critica l’ordinanza emanata ieri dal presidente della Regione, Nello Musumeci, che stabilisce la ‘Bper 42 Comuni dell’Isola: il provvedimento consente soltanto ai comuni in zona arancione di ritardare la riapertura delle scuole.

Si è creato ulteriore caos – è l’opinione del sindaco di Salemi – e invece la storia recente ci aveva insegnato che si può venire fuori da situazioni difficili con provvedimenti omogenei. A due anni dallo scoppio della pandemia è inaccettabile assistere al caos e allo stato di incertezza di questi giorni. A questo si aggiunge l’assoluta mancanza di regole e prevenzione sul trasporto pubblico locale, la carenza di personale Asp per il tracciamento e la penuria di tamponi. Tutto ciò finisce per vanificare il generoso sforzo degli operatori sul campo. Questa impreparazione dei livelli decisionali, a due anni dall’arrivo del Covid, è inaccettabile“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.