Covid, i vaccini Pfizer e Moderna sono efficaci contro le varianti :ilSicilia.it

Gli studi

Covid, i vaccini Pfizer e Moderna sono efficaci contro le varianti

di
6 Maggio 2021

I vaccini più utilizzati contro il Covid – ovvero quello prodotto da Pfizer-BioNTech e quello di Moderna – hanno dimostrato una certa efficacia nel prevenire i casi di malattia più gravi, inclusi quelli causati dalle varianti più pericolose. Stando a due studi pubblicati ieri, il vaccino Pfizer è molto efficace nel prevenire l’aggravamento delle condizioni di salute di chi contrae la variante inglese e quella sudafricana del coronavirus. Mentre i risultati preliminari di uno studio condotto su una dose di richiamo somministrata a coloro che erano già stati vaccinati col siero di Moderna hanno mostrato una certa efficacia contro la variante brasiliana e quella sudafricana.

Il vaccino Pfizer, dunque, resta fortemente protettivo contro le varianti ‘inglese’ e ‘sudafricana’, con tassi di efficacia molto alti contro il rischio di infezione. Lo affermano due studi, condotti in Israele e in Qatar, basati sui dati ‘reali’ delle campagne di vaccinazione.

Il primo studio, pubblicato su Lancet, ha esaminato i dati dell’epidemia in Israele, il paese più avanzato al mondo sul fronte della copertura vaccinale. L’immunizzazione con due dosi di Pfizer, scrivono gli autori del ministero della salute israeliano, è fortemente protettiva anche quando c’è una forte presenza della variante inglese: “Dopo 14 giorni dalla seconda dose la protezione contro l’infezione è del 96,5%, contro il ricovero è del 98% e contro il decesso del 98,1%”.

Al momento dello studio, spiegano gli autori, la variante sudafricana non era praticamente presente nel paese, e non ci sono quindi abbastanza dati per verificare l’efficacia del vaccino. Indicazioni rassicuranti in questo senso vengono invece da un altro studio, pubblicato sul New england Journal of Medicine e condotto in Qatar, dove invece c’era una circolazione sostenuta di entrambe le varianti. “L’efficacia del vaccino contro l’infezione da variante inglese – scrivono gli autori della Weill Cornell University – è risultata dell’89,5% 14 giorni dopo la seconda dose. Quella contro la ‘sudafricana’ era invece del 75%”.

Per quel che riguarda Moderna ha studiato un richiamo che funziona bene contro la sudafricana e la brasiliana.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin