Covid, il quadro in Sicilia: casi in calo, ma polemiche su hub al caldo :ilSicilia.it

il bilancio

Covid, il quadro in Sicilia: casi in calo, ma polemiche su hub al caldo

di
25 Giugno 2021

Cala il numero dei nuovi positivi al Covid in Sicilia: i casi registrati nelle ultime 24 ore sono scesi a 67, ieri erano 119, su 11.632 tamponi processati, con una incidenza che cala allo 0,6%. Altre sei le vittime, che fanno salire il numero totale a 5.963. La regione si colloca al quinto posto in Italia, per nuovi contagiati, dietro a Lombardia, Lazio, Campania e Puglia. ll numero degli attuali positivi è di 4.431, con una diminuzione di 322 casi. I guariti sono 383. Negli ospedali i ricoverati sono 198, quattordici in meno rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 23, quattro in meno sul dato di ieri. Nella suddivisione tra province ‘svetta’ ancora Catania, con 15 nuovi positivi, mentre Messina risulta essere Covid free con zero casi, ed Enna si avvicina al confortante dato con un solo contagiato. Questi gli altri dati per provincia: Palermo 8, Siracusa 8, Trapani 10, Ragusa 10, Agrigento 11 e Caltanissetta 4.

Continua la campagna vaccinale nell’isola con varie strategie come ‘VaccinArte: scopri, emozionati, vaccinati”: sono stati 155 gli immunizzati, ieri sera, al museo Salinas di Palermo per l’iniziativa voluta dalla Regione Siciliana e dai commissari Covid delle città metropolitane. Continua il percorso dell’autoemoteca voluta dal commissario per l’emergenza Covid 19 e dall’Asp di Messina per le vaccinazioni nei comuni con meno di 1.000 abitanti: oggi le inoculazioni delle seconde dosi da Roccafiorita, il comune più piccolo del Sud Italia.

Intanto con l’aumentare della temperatura divampa anche la polemica sulla climatizzazione degli hub vaccinali: a Sant’Agata li Battiati, nel Catanese, le somministrazioni sono state sospese perché la struttura è sprovvista dell’impianto di raffreddamento dell’aria. “Toh, d’estate fa caldo – commenta ironico il M5s all’Ars – chi l’avrebbe mai detto, in Sicilia, a ridosso di luglio? Ai responsabili dell’Asp di Catania, costretti a chiudere l’hub vaccinale, perché presi in contropiede per l’improvviso e inaspettato arrivo delle alte temperature, va la nostra solidarietà”. La Regione replica sostenendo che è impossibile climatizzare grandi volumi come quelli. Il tema coinvolge anche l’hub di Acireale che l’Asp di Catania, “in considerazione delle alte temperature registratesi e delle previsioni per i prossimi giorni”, ha disposto sarà, da domenica, “aperto al pubblico solo la mattina, dalle 7 alle 13”. Saranno contestualmente raddoppiate le postazioni vaccinali, in modo da garantire tutte le prenotazioni della giornata e gli utenti saranno informati tramite sms del nuovo orario della loro prenotazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin