Covid, la denuncia degli esercenti: "Negozi chiusi ma assembramenti paurosi negli uffici" :ilSicilia.it

Le parole del direttore di Confesercenti Sicilia Michele Sorbera

Covid, la denuncia degli esercenti: “Negozi chiusi ma assembramenti paurosi negli uffici”

di
18 Gennaio 2021

Con la “Zona Rossa” istituita nelle scorse ore per la Sicilia da parte del Governo Regionale per frenare il contagio Covid sono molte le attività che hanno dovuto abbassare le saracinesche per un tempo che durerà almeno fino al 31 gennaio.

Una scelta questa spinta dalla necessità di limitare gli assembramenti, che però si verificano senza colpo ferire in altri contesti, come denunciato nei giorni scorsi in un post su Facebook da Michele Sorbera, direttore di Confesercenti Sicilia in un’immagine che ritraeva una calca davanti un ufficio postale palermitano.

Sorbera ha sottolineato come questa circostanza, oltre che incompatibile con la situazione sanitaria, sia difficile da accettare per attività costrette alla chiusura nonostante l’organizzazione anti-assembramento, con particolare riferimento al settore abbigliamento, fermato proprio nel periodo di saldi: “Non c’è dubbio che si sta verificando un trattamento diverso delle attività. Davanti ai pubblici uffici come alle poste ci sono file incredibili e assembramenti di persone spaventosi mentre si impedisce alle attività economiche, in particolare ai commercianti del settore moda, abbigliamento, calzature di poter operare. Ci sembra una profonda ingiustizia. Non è così che si combatte il virus perché il Covid-19 contagia sicuramente quando si fa un assembramento davanti un negozio ma contagia anche quando si fa un assembramento davanti a un pubblico ufficio o alle poste. C’è disattenzione sul tema. Molto probabilmente è più facile mettere divieti invece che mettere in moto operazioni di vigilanza e ordine pubblico che intervengono per evitare gli assembramenti. In questa situazione succede che è stato massacrato un settore commerciale, quello dell’abbigliamento e di calzature, e per il resto sembra che non interessi a nessuno. Tutto ciò non lo possiamo accettare perché queste sono aziende che rischiano di non poter riaprire mai più. I negozi sono stati chiusi in piena campagna saldi e si erano approvvigionati per la campagna invernale almeno 8-10 mesi prima, che hanno fatto magazzino e si ritrovano ora con tanta merce che resterà invenduta e che si è svalutata”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin