Covid, La Rocca Ruvolo: "AperiVax? Meglio incentivi con libri" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione

Covid, La Rocca Ruvolo: “AperiVax? Meglio incentivi con libri”

di
2 Agosto 2021

“Credo sia una pessima idea quella di proporre aperitivi in alcuni locali per incentivare la vaccinazione dei giovani in Sicilia. A mio avviso, così passa un messaggio assolutamente sbagliato che rischia di favorire l’uso insensato di alcol che rappresenta uno dei problemi più gravi che colpisce i giovani, anche minorenni”.

Lo scrive in una nota la presidente della commissione Salute dell’Ars Margherita La Rocca Ruvolo esprimendo il proprio disappunto per diversi iniziative “AperiVax” che si stanno promuovendo in Sicilia.

“Ho già espresso il mio disappunto per le iniziative del genere promosse prima a Messina, poi a Palermo e lo esprimo anche adesso in vista di una nuova iniziativa che, a quanto pare, si sta organizzando nel Trapanese. Ben vengano, invece, iniziative come quelle promosse da Edizioni La Zisa di Palermo che regala un libro ad ogni neo vaccinato. – aggiunge – L’auspicio è che vengano annullate tutte le iniziative che propongono alcol per incoraggiare i giovani i a immunizzarsi contro il Covid-19. Fare il vaccino è un atto di responsabilità a tutela della propria salute e di quella della comunità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.