Covid, l'allarme dei medici ospedalieri: "Situazione grave, serve il lockdown" :ilSicilia.it

L'opinione

Covid, l’allarme dei medici ospedalieri: “Situazione grave, serve il lockdown”

di
4 Marzo 2021

La situazione è grave, c’è una fortissima preoccupazione per la tenuta delle strutture ospedaliere. Servirebbe un lockdown subito, di tre o quattro settimane, per arrivare ad aprile quando avremo molti più vaccini“. E’ l’allarme lanciato all’AGI da Carlo Palermo, segretario nazionale dell’Anaao Assomed, il sindacato dei medici ospedalieri.

Quando è iniziata la seconda ondata – ricorda Palermo – avevamo in tutta Italia 40 pazienti in terapia intensiva. Oggi sono 2.400. Se riparte la curva, come sta ripartendo, arriveremo a saturazione in brevissimo tempo. In questi mesi la curva non e’ mai davvero scesa, andrebbe contrastata seriamente“.

Il sistema dei colori, sottolinea, non basta più, soprattutto con l’imperversare delle varianti: “Temo che la zona arancione non sia sufficiente a bloccare rapidamente la circolazione del virus. Bisogna fare di più, per arrivare presto ad avere meno di 5mila casi al giorno, il che ci consentirebbe di riprendere il tracciamento“.

E’ il momento di fermarsi, insomma, sostiene Palermo: “Basta con gli stop and go che ci trascinerebbero fino all’estate, serve un ‘colpo’ secco per frenare l’avanzata del virus. So che è un dramma sul piano economico, ma andrebbe spiegato alla popolazione che serve stringere per un mese per poi vedere la luce“.

Tanto più, avverte, che “i dati di occupazione delle terapie intensive, già inquietanti, sono anche sottostimati: se si mettono nel denominatore non solo i posti disponibili ma anche quelli genericamente ‘attivabili’ il tasso scende, ma non è reale. Il Veneto ad esempio segnala mille posti: fino a pochi mesi fa ne aveva 500, dubito che abbiano già assunto il personale necessario per raddoppiare. Nove regioni sono già ufficialmente sopra la soglia del 30% di occupazione posti letto, ma temo siano molte di più. Gli ospedali si riempiono di nuovo, la situazione è preoccupante“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin