Covid, le somministrano sei dosi di Pfizer per sbaglio: aperta indagine interna :ilSicilia.it

il fatto

Covid, le somministrano sei dosi di Pfizer per sbaglio: aperta indagine interna

di
10 Maggio 2021

È successo a Firenze, dove una tirocinante in psicologia alla Usl Toscana Nord Oves, ha riveduto la scorsa domenica 6 dosi di vaccino Pfizer per errore. La ragazza è stata dimessa questa mattina, dopo aver trascorso la notte in ospedale monitorata.

È il primo caso in Italia e nel mondo. Alla giovane è stata somministrata una intera fiala: neppure le sperimentazioni della casa farmaceutica per individuare le conseguenze di un sovradosaggio erano arrivate a tanto.

La Usl conferma che non ci sono stati effetti collaterali al sovradosaggio: la giovane ha avuto i classici sintomi del post vaccinazione, febbre, dolori alle ossa e dolore al braccio.

La giovane, ricoverata poi in osservazione, e’ gia’ tornata a casa. Al momento non ha manifestato conseguenze ma saranno effettuati controlli nel corso dei prossimi mesi: si tratta, ha spiegato la Asl Toscana nord ovest che sull’accaduto ha aperto un’indagine interna, del primo caso al mondo di sei dosi somministrate. Un precedente riguarda un infermiere in Israele, ma ne ha ricevute cinque. I medici non sanno dire al momento se la giovane avra’ bisogno del richiamo o addirittura di ulteriori due dosi. Su come sia accaduto “e’ stato un errore umano, dovuto al grande stress che i nostri sanitari stanno affrontando in questi mesi; un calo di attenzione. Non doveva succedere, ma quando si lavora tanto purtroppo capita”, spiega Tommaso Bellandi, responsabile della sicurezza del paziente della Asl.

“L’infermiera – specifica – non ha inserito la soluzione fisiologica nel flaconcino che contiene sei dosi di principio attivo Pfizer. Ha dimenticato questo passaggio e quindi quando e’ andata ad aspirare il contenuto per una iniezione ha in realta’ aspirato tutto il principio attivo”. La ragazza, che si trovava ancora nel parcheggio dell’ospedale e stava per tornare a casa, e’ stata immediatamente richiamata e ricoverata al Noa e adesso verra’ seguita a Careggi, dove una equipe di medici monitorera’ il suo sistema immunitario. La 23enne ora e’ a casa con i tipici sintomi post vaccinazione: “Febbre, dolori alle ossa e difficolta’ a muovere il braccio” ma “sta bene” afferma l’Azienda sanitaria. A confermarlo anche la diretta interessata tramite la madre anche se “la paura e’ stata tanta”.

La Asl spiega che “e’ stato necessario attivare anche l’unita’ di psicologia clinica ospedaliera per seguire i due sanitari distrutti dal dolore e dalla preoccupazione”, l’infermiera e anche un medico, presenti entrambi al momento della somministrazione sbagliata del vaccino, “e la ragazza, che si e’ molto spaventata”. Ma da parte della giovane e della sua famiglia nessuna intenzione di sporgere denuncia. Anzi. “Vorrei incontrare l’infermiera, per dirle di non sentirsi in colpa e di non avere paura per me. Sto bene e vorrei che insieme superassimo questo momento”, le parole della 23enne riferite dalla madre che aggiunge: “Non abbiamo intenzione di procedere per vie legali. Non vogliamo rovinare la vita a nessuno, e’ stato un errore umano”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin