Covid, Lo Curto (Udc): "Riapertura anche per il settore wedding" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Covid, Lo Curto (Udc): “Riapertura anche per il settore wedding”

di
19 Aprile 2021

“Il settore del wedding e delle cerimonie è tra quelli più penalizzati dalle chiusure dovute alle misure di restrizioni per la pandemia. Nonostante il governo Draghi abbia già un piano di riaperture, rimangono molte incertezze per un settore che occupa centinaia di migliaia di lavoratori e rappresenta un business con proporzioni considerevoli“.  Lo afferma Eleonora Lo Curto, capogruppo Udc all’Assemblea regionale siciliana.

“I ristori, pochi e insufficienti, finora erogati non possono né risolvere il problema occupazionale del wedding e delle sale da cerimonie, né tantomeno rappresentare un’opzione anche per il prossimo futuro – prosegue-. Il wedding con l’intero indotto hanno bisogno di riaprire, in sicurezza of course, potendo riprendersi una fetta di mercato anche con limitazioni. Soprattutto al sud, in Sicilia in particolare, dove per tradizione e cultura i matrimoni, le comunioni, i battesimi e le cresime movimentano centinaia di invitati, le imprese del settore stanno registrando danni considerevoli. Per questa ragione auspico che la ministra Gelmini da un lato, avendo la delega agli affari regionali, e il ministro Giorgetti dall’altro, che ha la delega allo sviluppo economico, si adoperino per dei protocolli che tengano conto, nei parametri per i ricevimenti, dell’ampiezza delle sale piuttosto che fissare limiti sul numero delle persone partecipanti. E’ risaputo, che soprattutto nel mezzogiorno, insistono sale che possono accogliere più di mille invitati. E’, dunque, necessario che si tenga conto della quadratura delle sale in modo da far ripartire un settore piegato ed a rischio fallimento. Attorno ai matrimoni ed alle cerimonie si sviluppa un’economia con utili anche per i fioristi, i fotografi, i musicisti, i fornitori e l’abbigliamento che ad oggi hanno visto crollare i loro incassi”.

E’ tempo di ridare certezze al comparto del wedding e nello stesso tempo a chi deve programmare il proprio matrimonio o il festeggiamento di un evento familiare ed a chi da ospite debba presenziare in sicurezza. Del resto la campagna vaccinale consentirà progressivamente e rapidamente a tutti di riprenderci la vita che avevamo, ma intanto per la partecipazione ai ricevimenti si potrebbe prevedere anche il sistema del tampone rapido da effettuare prima dell’evento e comunicato alla sala per far svolgere il banchetto in sicurezza. Mi farò comunque portavoce presso il governo regionale e la presidenza dell’Assemblea regionale siciliana affinchè questo tema venga affrontato con misure che possano far produrre gli effetti sperati“, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin