Covid, Musumeci: "Sicilia non è in zona critica, ma non abbassiamo la guardia" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Covid, Musumeci: “Sicilia non è in zona critica, ma non abbassiamo la guardia”

di
5 Agosto 2021

Il numero dei contagi “non mi preoccupa, ma mi induce a occuparmene di più. Guai se ci dovessimo preoccupare noi che gestiamo la pandemia”. Lo dice il governatore siciliano, Nello Musumeci, a margine della presentazione della nuova terapia intensiva al Policlinico di Palermo.

Siamo sempre all’erta, non ci siamo mai rilassati, non abbiamo mai abbassato la guardia. Sapevamo che questa evoluzione avrebbe raggiunto numeri di un certo significato, ancora non siamo in una zona di criticità ma certamente se avessimo più vaccinati e più prudenza nella condotta singola e collettiva non avremmo necessità di guardare all’autunno con particolare apprensione”, conclude Musumeci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin