Covid, Musumeci: "Test in porti e aeroporti strumento prezioso" :ilSicilia.it

L'intervento del Presidente della Regione

Covid, Musumeci: “Test in porti e aeroporti strumento prezioso”

di
19 Febbraio 2021

“Sin dalla prima fase della pandemia abbiamo prestato attenzione ai passeggeri in arrivo. Addirittura a febbraio dello scorso anno abbiamo invitato comitive di turisti del nord, già prenotati, a rinviare la loro venuta nell’Isola per evitare possibili contagi. I fatti mi hanno dato ragione. In questa seconda fase la realizzazione di presidi negli scali aeroportuali e portuali, a cominciare dallo stretto di Messina, ha costituito uno strumento di controllo assai prezioso.

Lo ha detto a “La Nuova Sardegna” il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, spiegando il sistema di controlli adottato dall’isola e che il governatore sardo Christian Solinas vorrebbe ricalcare.

“Abbiamo iniziato il 14 dicembre mobilitando centinaia di medici e di personale volontario – ha detto ancora Musumeci – Alternati su più turni sono circa 200. Abbiamo anche chiesto la collaborazione di medici pensionati. Negli aeroporti di Palermo e Catania il risultato è stato estremamente soddisfacente. Alle postazioni negli scali aeroportuali, portuali e nello stretto abbiamo aggiunto anche il drive in che ha consentito a migliaia di persone in auto, e con attese assolutamente fisiologiche, di potersi sottoporre a tampone. A Catania su 72mila controllati sono risultati positivi 170. A Palermo su 41mila positivi 198. Dimenticavo Trapani: sostanzialmente abbiamo tenuto sotto controllo gli accessi nell’isola. Questo ha rasserenato la comunità”.

E sulle polemiche in Sardegna: “Non abbiamo avuto opposizioni da parte del Governo, anche perché di volta in volta abbiamo informato il ministro Speranza. Sono l’ultimo a poter valutare le scelte di Christian Solinas, mio collega e amico e molto attento alle sorti della sua isola”.

Musumeci conclude: “Continuiamo a vigilare, i numeri sono altalenanti, c’è sempre il pericolo che la maggioranza dei cittadini creda che zona gialla sia un ‘liberi tutti’. Ci prepariamo per essere puntuali all’ora X della riapertura, per consentire agli operatori economici di prende una boccata d’ossigeno. Tutto è legato alla possibilità di vaccinare prima possibile la stragrande maggioranza dei siciliani”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin