Covid, Orlando al Governo: "Restrizioni ora per salvaguardare il turismo estivo" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Covid, Orlando al Governo: “Restrizioni ora per salvaguardare il turismo estivo”

di
13 Aprile 2021

“Le misure rigorose che abbiamo chiesto e ottenuto in questo periodo servono a farci trovare pronti a giugno in condizioni di assoluta sicurezza per accogliere i visitatori“.
Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, nel corso della conferenza stampa virtuale per la presentazione di sei nuove rotte introdotte da Ryanair all’aeroporto di Palermo: “Vogliamo incrementare la vaccinazione in sicurezza, imponendo misure restrittive adesso per accogliere il maggior numero di visitatori in seguito“, ha sottolineato.

“Da presidente dell’Anci Sicilia mandero’ una nota formale al Governo per chiedere la sospensione della tassa addizionale comunale sugli aeroporti”, annuncia Orlando sollecitando al contempo il Governo italiano a cancellare la tassa addizionale comunale imposta alle compagnie aeree sui diritti d’imbarco dei passeggeri: “E’ un contributo concreto soprattutto in questa fase nella quale si apre la possibilita’ della riapertura al flusso turistico degli aeroporti”, spiega il primo cittadino che e’ anche il presidente dell’associazione dei comuni siciliani.

Il sindaco ha ricordato che “gli obiettivi di Ryanair come di altre compagnie aeree coincidono col nostro programma di sicurezza e, in tal senso, registro una totale condivisione di impegno. Stiamo lavorando per essere pronti, a giugno, attraverso una precisa pianificazione della campagna vaccinale e provvedimenti purtroppo necessariamente rigorosi“.

La realta’ palermitana – ha aggiunto il sindaco – dopo un lungo periodo di sospensione per le criticita’ legate alla pandemia, ha in questi mesi posto in essere azioni e contatti che trovano nella scelta di Ryanair, che ha scelto Palermo come proprio Hub,un contributo significativo al ruolo strategico dell’aeroporto di Palermo e dalla societa’ di gestione Gesap. La presenza dei vertici della compagnia irlandese e’ conferma di tale ruolo strategico. Dobbiamo essere e siamo pronti per il ritorno con incrementi significativi alla attrattivita’ turistica e internazionale”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco