Covid, protesta dei ristoratori: "Zona arancione non risolve nulla, riaprire a prescindere dal colore" :ilSicilia.it

FIPE: "cambiare codici Ateco e ridurre costi contribuitivi"

Covid, protesta dei ristoratori: “Zona arancione non risolve nulla, riaprire a prescindere dal colore”

di
4 Febbraio 2021

La zona arancione non risolve nulla, il settore della ristorazione è in crisi totale e tornare a quella normalità pre Covid sembra sempre più difficile”.

Lo afferma Dario Pistorio, presidente Fipe Confcommercio Sicilia, associazione che raggruppa circa 12.000 attività del settore somministrazione, chiedendo di far riaprire i pubblici esercizi con il servizio al tavolo immediatamente, anche con restrizione più severe, ma a prescindere dal colore“.

“Si cominci a pensare al futuro – aggiunge non possiamo più stare appresso alle zone colorate. Dalla protesta vogliamo passare alla proposta e fare un appello alla politica confusa: ai medio-piccoli ristoranti siciliani serve flessibilità, sia economica che nella gestione del vecchio e nuovo personale”.

“Oggi c’è una licenza unica di somministrazione – sottolinea il presidente della Fipe siciliana – tavola calda o tavola fredda, bar, pub, ristoranti, chioschi… Insomma tutti potrebbero fare tutto, e poi si aggiungono le macellerie e i pescivendoli che diventano anche take way con la vendita e il consumo di prodotti già cotti in loco. Per non parlare del fenomeno dei panifici che al momento delle nostre chiusure si sono sostituiti in toto diventando bar, pasticcerie, gastronomie spesso abusive”.

“La parola d’ordine è ripartire – sottolinea Pistorio – ma è necessario fare chiarezza su alcuni punti importanti per gli imprenditori. Chiediamo una riassegnazione dei codici Ateco del settore. Abbiamo la necessità di fare ordine, nuove regolamentazioni, nuovi parametri, dunque il riordino di una legge quadro dei Pubblici Esercizi Siciliani. Alle aziende inoltre serve una riduzione del costo del lavoro sul piano contributivo, che permetta di prendere personale anche a spot. Oggi come fa un imprenditore a riaprire assumendo cinque persone se non sa cosa succederà nelle prossime settimane con l’andamento dell’emergenza? Bisogna – chiosa Pistorio – che ci facciano gestire il personale a tempo determinato o ci facciano tornare ai voucher nel rispetto delle regole”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin