Covid, Razza: "In Sicilia casi in aumento, ma bassa ospedalizzazione" | CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it

l'intervista all'assessore della Salute

Covid, Razza: “In Sicilia casi in aumento, ma bassa ospedalizzazione” | CLICCA PER IL VIDEO

di
8 Dicembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il Natale si avvicina e il governo Musumeci auspica alle massime aperture senza compromettere la sicurezza dei cittadini, nella consapevolezza di un momento delicato in cui l’epidemia da Covid 19 è ancora in circolo. Come testimonia la drammatica esperienza dei mesi passati, fare previsioni precise è molto difficile, ma il vaccino è l’unico strumento efficace che la scienza ha messo a disposizione per limitare la trasmissione del virus e per affrontare al meglio le festività in arrivo, ma anche la vita di tutti i giorni.

L’assessore regionale della Salute, Ruggero Razza, ha fatto il punto sulla situazione sanitaria in Sicilia, a margine dell’inaugurazione del presepe allestito all’interno dei Giardini di Palazzo d’Orléans, attigui alla sede della Presidenza della Regione.

“L’ultimo bollettino evidenzia dei casi in aumento in tutta la Regione, ma c’è una sostanziale stabilità dei ricoveri ospedalieri, dove  – ricorda l’assessore Razza – oltre l’80% dei soggetti o non hanno completato il ciclo vaccinale o non erano del tutto vaccinati, la crescita dei contagi viene contemperata da una bassa ospedalizzazione. L’auspicio è il mantenimento delle regole, nel rispetto delle ordinanze del presidente della Regione, quindi l’utilizzo della mascherina in pubblico, all’esterno, evitare occasioni di assembramento e soprattutto vaccinarsi. Rispettando queste regole, andremo incontro ad un Natale che potrebbe essere migliore di altre Regioni”.

Sull’andamento della curva epidemiologica nell’Isola “Abbiamo una lieve crescita che è comune a quello che accade in tutto il territorio nazionale, ma che in Sicilia sembra in questa fase essere più contenuta. La dobbiamo sempre tenere sotto controllo, verificheremo giorno per giorno quello che accade. Tanto quello che accade è nella responsabilità di ognuno di noi”, ribadisce l’esponente dell’Esecutivo regionale.

Il governo Musumeci lavora per una sanità siciliana che sia competitiva rispetto a quella delle Regioni del Nord, con una riqualificazione delle strutture sanitarie esistenti nell’Isola, attivando nuovi posti di terapia intensiva in tutto il territorio regionale, e con interventi di ricostruzione edilizia e di miglioramento tecnologico. Testimonianza recente è data dall’attivazione del pronto soccorso dell’ospedale San Marco di Catania. E si lavora per tutta la Sicilia, da est ad ovest dell’Isola, alla realizzazione di poli di primo intervento, di strutture efficienti, moderne e capaci di far fronte alle esigenze dei territori.

Lavoriamo in ogni provincia della Sicilia, non esiste una sanità territoriale privilegiata rispetto ad un’altra. Si sta lavorando per individuare ulteriori investimenti, sono decine i cantieri aperti e quindi dobbiamo continuare a lavorare, sapendo che c’è una parte della Sicilia, dal punto di vista dell’edilizia e delle tecnologie, che ha bisogno di maggiori attenzioni, che è la Sicilia occidentale. Non a caso la maggior parte degli investimenti sono avvenuti in questo territorio”, ha concluso Razza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin