Covid: risultati positivi nei test di fase 1 del vaccino per i gatti :ilSicilia.it

ideato da italiani e testato negli stati

Covid: risultati positivi nei test di fase 1 del vaccino per i gatti

di
14 Aprile 2021

Ha dato un risultato positivo la sperimentazione di fase 1 del vaccino anti Covid-19 per i gatti, realizzato dall’azienda italiana Evvivax e testato negli Stati Uniti in collaborazione con l’azienda americana Applied DNA Sciences.

In tutti gli animali trattati abbiamo osservato la formazione di anticorpi neutralizzanti dopo una singola somministrazione di un DNA sintetico lineare e a fine aprile potremo vedere i risultati della seconda iniezione“, ha detto  Luigi Aurisicchio, amministratore delegato e direttore scientifico delle aziende biotech Takis ed Evvivax.

E’ un risultato – ha proseguito – molto positivo, che valida la tecnologia alla base del vaccino. Il disegno molecolare è lo stesso messo a punto dalla Takis per il vaccino destinato all’uomo e in fase di sperimentazione con un’altra azienda italiana, la Rottapharm Biotech”. Il risultato ottenuto nei gatti “è la prima vera dimostrazione di principio che un vaccino genetico contro il virus SarsCoV2 basato sulla tecnica sull’elettroporazione del DNA stimola risposta immunitaria “, ha osservato Aurisicchio riferendosi alla tecnica che consiste nell’iniettare nel muscolo la dose del vaccino, seguita un brevissimo impulso elettrico che facilita l’ingresso del vaccino nelle cellule per attivare il sistema immunitario.

Si sperimenta un vaccino anti Covid nei gatti alla luce sia dei casi di contagio fra gatti e uomini finora osservati, sia dei casi di contagio con le varianti emergenti osservati nei gatti e in altre specie animali, tra cui i topi: “vale a dire che si potrebbe generare un serbatoio naturale, indipendentemente dai progressi della vaccinazione nell’uomo”.

Il prossimo passo sarà misurare gli anticorpi generati nei gatti dopo il richiamo e si prevede inoltre di sperimentare il vaccino sui visoni, nei quali il virus Sars-CoV2 si diffonde molto facilmente, al punto di avere causato epidemie che hanno portato all’abbattimento di molti animali negli allevamenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti