Covid, Sicilia in arancione: nuovi positivi in calo e boom di vaccinazioni :ilSicilia.it

il punto

Covid, Sicilia in arancione: nuovi positivi in calo e boom di vaccinazioni

di
24 Gennaio 2022

La Sicilia che da oggi è in zona arancione registra un calo dei contagi e un boom di vaccinazioni, favorite in qualche modo dalle ulteriori limitazioni per coloro che non sono in possesso del super green pass.

Non a caso tra venerdì a domenica è stato ampiamento superato nell’isola il target indicato dalla struttura commissariale nazionale con la somministrazione di oltre 126 mila dosi, comprese quelle pediatriche, di cui oltre 90mila booster, le terze dosi che danno la possibilità di ottenere la certificazione rafforzata. La discesa dei contagi viene certificata anche dal bollettino quotidiano diffuso dal ministero della Salute.

Non tanto per il numero di nuovi casi (3.629 rispetto ai 5.394 del giorno precedente) che risente del minor numero di tamponi effettuati nella giornata domenicale quanto per il tasso di positività che scende comunque dal 15,4% al 13,9%. Sul fronte ospedaliero aumenta il numero dei pazienti Covid nei reparti ordinari, 1.625 con 35 casi in più rispetto a ieri, mentre resta stabile quello di ricoverati in terapia intensiva: 164, lo stesso numero di ieri. Un andamento confermato anche dall’ufficio Statistica del Comune di Palermo che ha elaborato i dati diffusi dal Dipartimento della Protezione Civile.

Nella settimana appena conclusa il numero dei nuovi positivi al Covid si è ridotto di un terzo rispetto alla settimana precedente e sono sensibilmente diminuiti anche i nuovi ingressi in terapia intensiva. È però aumentato il numero dei decessi segnalati. In particolare i nuovi casi sono stati quasi 49mila, il 33% in meno rispetto alla settimana precedente. I ricoverati sono stati 1590, di cui 164 in terapia intensiva. Rispetto alla settimana precedente sono aumentati di 74 unità, mentre quelli in terapia intensiva sono cresciuti invece di 4. Resta invece molto alto il numero delle persone decedute: 8181.

L’attenzione continua dunque ad essere concentrata sulla pressione negli ospedali e in particolare nei reparti di terapia intensiva. Tiziana Maniscalchi, direttore del pronto soccorso dell’ospedale Cervello, spiega che al momento i 260 posti in terapia intensiva del Cervello sono pieni e per due terzi si tratta di pazienti non vaccinati. “Tuttora arrivano al pronto soccorso del Cervello – spiega la responsabile – tantissimi anziani di 80 anni e di 90 anni non vaccinati. Bisognerebbe rivedere questa situazione e cercare di capire cosa fare per fare vaccinare i deboli. Troppi gli anziani che arrivano da noi non vaccinati e questi purtroppo non hanno spesso una prognosi favorevole”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.