Covid, Sicilia in giallo: oggi record di contagi e in giro poche mascherine :ilSicilia.it

il fatto

Covid, Sicilia in giallo: record di contagi e in giro poche mascherine

di
30 Agosto 2021

Numeri in rialzo per settimane: contagi da record- solo oggi 1600, oltre un terzo di quelli nazionali -, ricoveri nei reparti Covid e nelle Terapie intensive in crescita. Dopo settimane di annunci, da oggi la Sicilia è la prima regione italiana a passare al giallo.

Mascherine obbligatorie anche all’aperto e un limite di quattro commensali al tavolo del ristorante sono le restrizioni principali legate alla nuova classificazione. Ma per gli esperti, soprattutto alla luce degli ultimi dati che segnano un’incidenza del 14,3% e un aumento delle Terapie intensive del 60% nell’ultima settimana, il passaggio al giallo potrebbe non bastare.

Ai numeri impietosi di contagi e ricoveri deve aggiungersi infatti che l’isola resta fanalino di coda rispetto ai vaccinati, nonostante le tante iniziative prese a livello locale per incentivare la popolazione a immunizzarsi. Una situazione molto grave, che potrebbe presto imporre interventi più rigorosi, ma che non pare allarmare troppo i cittadini. Per le strade di Palermo, che con 422 nuovi positivi è la città con il più alto numero di contagi d’Italia, in pochi mettono le mascherine all’aperto. Molti la tengono abbassata o appesa al braccio, alcuni neppure la indossano.

“La mascherina dà davvero fastidio fuori – dice un passante in via Ruggero Settimo nel centro del capoluogo siciliano – Però dobbiamo abituarci di nuovo per cercare di superare quanto prima questa pandemia. E’ davvero difficile soprattutto con le temperature di questi ultimi mesi che non ci hanno fatto respirare. Speriamo che tanti siciliani si decidano a vaccinarsi per chiudere una volta per tutte con il Covid”.

I primi ad essere sorpresi dalla novità sono i turisti. “Non sapevamo di questa nuova ordinanza – dice un visitatore che viene dalla provincia di Milano – Certo con questo gran caldo è davvero pesante. Ma per il bene di tutti bisogna rispettare le norme”. Nei locali, che devono adeguarsi al limite di 4 persone a tavolo, le nuove disposizioni vengono rispettate.

“Per noi il problema non è la zona gialla – dice Davide Cammarata che gestisce un bar in centro a Palermo – Il grosso timore è la zona arancione che potrebbe scattare se queste misure non serviranno a fare comprendere che bisogna vaccinarsi tutti per superare l’emergenza. Noi abbiamo già organizzato tutto per fare sedere i nostri clienti, come stabilito”. Anche per i ristoratori le nuove limitazioni non sono un grosso problema.

“I titolari dei ristoranti non possono e non hanno alcuna intenzione di sgarrare – dice Gigi Mangia, noto ristoratore palermitano – Noi siamo controllati in modo constante e ognuno di noi è consapevole che bisogna rispettare le norme”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.