Covid: tamponi fai-da-te non attendibili, sbagliato il 66% dei risultati :ilSicilia.it

il fatto

Covid: tamponi fai-da-te non attendibili, sbagliato il 66% dei risultati

di
25 Gennaio 2022

Dopo due anni di pandemia sono arrivati qualche tempo fa i tamponi-fai-da-te, che hanno dato respiro agli hub e alle farmacie che si stanno costantemente dedicando ai cittadini. In un tempo però in cui le file in farmacia sono infinite e i contagi aumentano, cresce il bisogno di tamponi e quelli fai-da-te sono certamente la soluzione migliore per evitare qual si voglia disagio. Alla comodità del tampone fai-da-te però corrisponde un forte rischio di errore.

I test che si vendono nelle tabaccherie e nei supermercati soprattutto sbagliano spesso il risultato, specialmente quando l’esito è negativo, questo anche a causa degli errori nell’utilizzo del test. “I pazienti, a fronte di una sintomatologia riconducibile al Covid – spiega a Il Messaggero il dottor Alberto Chiriatti, vice segretario regionale della Fimmg Lazio – come febbre o raffreddore, o anche senza soffrire di nulla e dunque a mero scopo di controllo, hanno fatto tamponi a casa da soli risultando negativi quando invece erano positivi“.

L’indice di errore infatti che possono raggiungere questi tamponi è del 66%. Questo, ripetiamo, perché l’analisi non viene eseguita in modo corretto. Il cittadino, nella maggioranza dei casi, non riesce ad eseguirlo nel 90% come invece fa un infermiere, un sanitario, un medico, un farmacista, un professionista sanitario e poi per quanto sia bravo ad eseguire il test, salta il tracciamento. Con la falsa sicurezza del test negativo infatti molti saltano il tampone in farmacia e dal medico e non si isolano, continuando ad andare in giro e in potenza anche contagiare.

Un’ulteriore problema è l’approccio a questi tamponi. Dopo aver eseguito il fai-da-te ed essere risultati positivi, è auspicabile replicarlo in farmacia, dal medico, nei laboratori di analisi o nei drive-in per poter essere inseriti nel sistema del conteggio e del tracciamento dal momento che il tampone fai-da-te ha semplicemente una validità diagnostica.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.