Covid, Ugl: "Proteggere la salute ed i posti di lavoro dei siciliani" :ilSicilia.it
Banner Bibo

La richiesta del segretario regionale Giuseppe Messina dopo il bilancio del 2020

Covid, Ugl: “Proteggere la salute ed i posti di lavoro dei siciliani”

di
2 Gennaio 2021

Il Bilancio di fine 2020 e auspici per il nuovo anno per la Ugl Sicilia che, con il segretario regionale Giuseppe Messina, lancia un invito alla ripartenza indirizzato all’Amministrazione regionale ed a tutti i siciliani.

“La pandemia da Covid-19 ha spinto l’economia in una profonda ed improvvisa recessione che ha prodotto incertezza generalizzata sulla capacità di resilienza e ripresa, difficoltà economiche, sociali e psicologiche ampliando, senza alcun dubbio, la forbice delle disuguaglianze sociali ed economiche. Il lockdown nazionale della scorsa primavera e l’arrivo della seconda ondata di diffusione del virus in autunno, i cui strascichi sono ancora evidenti, hanno fatto registrare effetti indubbiamente devastanti per la nostra isola già in ginocchio per la crisi economica che si acuita in questi anni. Basta guardare ad un semplice dato come la perdita del prodotto interno lordo siciliano che si è attestata nel 2020 intorno al 7,8%, peggiorando il già fragile quadro economico e sociale, colpendo gravemente la nostra Sicilia. La riduzione del volume d’acquisto ha prodotto notevoli ripercussioni soprattutto per gli operatori dei settori del commercio al dettaglio, del turismo e dei servizi di trasporto pubblico e privato. Così come per le imprese, ad eccezione di quelle operanti nel settore dei servizi essenziali e di quello alimentare, che hanno subito una drastica riduzione degli ordinativi e, di conseguenza un rallentamento o addirittura blocco delle produzioni. Allo stesso modo, anche il mercato del lavoro ha risentito del progressivo rallentamento dell’economia e della sospensione di alcune attività non essenziali, come dimostrato dal forte calo delle assunzioni nei mesi precedenti e, soprattutto, a marzo ed aprile. Non vi è alcun dubbio, però, che le reali ricadute della crisi dell’occupazione, mitigate dall’ampio ricorso alla Cassa integrazione guadagni e dal blocco dei licenziamenti, emergeranno in modo drammatico nei prossimi mesi con il termine dell’effetto di questi provvedimenti”, sottolinea nella sua nota Messina.

“Per assicurare la ripresa economica e produttiva della Sicilia, proteggere la salute ed i posti di lavoro dei siciliani e garantire maggiore equità e capacità di resilienza, sarà fondamentale cogliere le opportunità che deriveranno dal sostegno che l’Unione Europea renderà disponibile con l’iniziativa “Next Generation EU” e con i fondi strutturali previsti nel nuovo Quadro finanziario pluriennale 2021/2027. Il percorso di ripresa e di cambiamento verso un modello economico sostenibile ed inclusivo deve guardare, necessariamente, ad interventi mirati necessari al rilancio occupazionale, ridurre le nuove forme di povertà e contrastare le forme di criminalità che rischiano di sostituirsi alle istituzioni nei prossimi mesi difficili e delicati di ripresa e rilancio, con una robusta politica di investimenti. In questo scenario il Governo regionale, che fino ad oggi ha saputo rispondere adeguatamente nei confronti del violento impatto causato dall’epidemia, è chiamato a nostro avviso ad operare scelte immediate e coraggiose. E’ di tutta evidenza, in primo luogo, che l’attuale diffusione del Coronavirus ha messo a nudo diverse criticità del sistema sanitario regionale e da quei tagli agli investimenti più volte contestati”, fa notare il sindacalista.

Occorre, dunque, intervenire senza alcun tentennamento nel potenziare la rete ospedaliera e territoriale, con una maggiore infrastrutturazione e le necessarie assunzioni, così da incrementare il livello di cure ed evitare anche i continui viaggi della speranza. E’ prioritario rimettere al centro dell’attenzione, politica ed amministrativa, la questione legata al mondo del lavoro ed allo sviluppo economico. Fondamentale sarà quindi sbloccare la riforma del commercio, che è attesa da trent’anni e che può portare ad un approccio innovativo verso un comparto, massacrato dalla diffusione del Covid-19 al pari del turismo. Non bisognerà sprecare neanche un centesimo nel rilancio dei comparti connessi alla filiera agroalimentare e della pesca, motivo per cui riteniamo di grande valore l’idea della creazione di un’agenzia per la ricerca, la divulgazione, lo sviluppo e la certificazione delle eccellenze delle risorse agricole e ittiche. Così come altamente strategica diventa l’assunzione per la Sicilia di un ruolo di promotore della costruzione di un percorso condiviso che porti alla sottoscrizione di regole di accesso e vigilanza territoriale all’attività di pesca professionale, di conservazione e ripopolamento ittico, nell’ambito dell’area Euromediterranea. Infrastrutture, porti e aeroporti, non possono più rimanere sogni nel cassetto, ma solide realtà appartenenti ad un intervento decisionista che deve camminare di pari passo con l’avvio delle Zes già approvate, l’attivazione delle Zes montane e la creazione di Zes turistiche. Invogliamo altresì – continua il segretario regionale della Ugl – un incisivo piano dei trasporti che possa modernizzare i mezzi in uso delle società del pubblico e del privato, attuando un sistema di collegamenti integrati per realizzare una mobilità sostenibile sul modello del nord Europa, garantendo sicurezza agli utenti e verso i lavoratori. Ed inoltre, guardiamo all’introduzione di un nuovo modello di gestione dei sei aeroporti siciliani attraverso l’istituzione di due società aeroportuali, intervenendo sulla riduzione dei costi con il riconoscimento della continuità territoriale. Non dobbiamo neanche lasciare indietro i minori ed i giovani, motivo per cui è per noi prioritario l’immediato avvio della programmazione triennale dei percorsi di Istruzione e formazione professionale, per garantire continuità educativa ai minori in obbligo scolastico, per indirizzarsi verso nuove forme di lavoro e affermare il principio del riconoscimento del diritto allo studio e della garanzia del posto di lavoro in favore degli operatori del comparto”.

E’ chiaro – conclude l’esponente Ugl – che per fare tutto ciò è indispensabile una urgente riforma della macchina burocratica regionale, per una riclassificazione e riqualificazione del dipendenti regionali, l’avvio di nuove assunzioni, il riordino partecipate regionali e la revisione del ruolo dell’Aran Sicilia per evitare i continui rallentamenti, oltre che la riforma dei forestali e dei consorzi di bonifica. Vogliamo meno burocrazia, anche a partire dal settore dei beni culturali che ha estremo bisogno di un oculato rilancio. Questo è il nostro pensiero, è l’idea di futuro e di ripartenza che la dirigenza della Ugl Sicilia diffusa nelle province ha condiviso, auspicando che la fine della pandemia possa essere la vera grande opportunità di riscatto, crescita e ritorno all’occupazione per una Sicilia che, adesso, è purtroppo pronta a cadere nel baratro della povertà se non ci sarà una cura più forte della distruzione.”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco