Covid, Ugl: "Riaprire le scuole solo in sicurezza e certezza sul Trasporto Pubblico Locale" :ilSicilia.it
Banner Bibo

la dichiarazione

Covid, Ugl: “Riaprire le scuole solo in sicurezza e certezza sul Trasporto Pubblico Locale”

di
5 Gennaio 2021

Non ci sono le condizioni per aprire le scuole perché andrebbero fatti i tamponi a tutto il personale scolastico ed agli autisti del TPL che, settore strategico che al momento non è in grado di soddisfare il fabbisogno dei ragazzi che devono spostarsi per tornare a scuola“.

A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario Ugl Sicilia e Giuseppe Scannella, Segretario regionale Ugl Autoferro.

I sindacati non sono a conoscenza di come partiranno le attività scolastiche – aggiungono – visto che non sono stati coinvolti per capire se ci sono le condizioni per avviare il servizio pubblico di trasporto per gli alunni in sicurezza”.

L’Ugl con una lettera inviata il 29 dicembre scorso ed indirizzata a tutti gli assessori competenti – precisano Messina e Scannella aveva lanciato il grido d’allarme sul fatto che esistono forti criticità nelle aziende del TPL che non possono organizzare la propria attività

“Per il blocco del 50 per cento nell’erogazione del servizio, per mancanza di vetture, per le strutture che non sono adeguate a fornire la giusta risposta all’emergenza pandemica e chiedeva un incontro per affrontare il problema della ripresa della scuola, per fare un lavoro soddisfacente ed utile ai i lavoratori, gli alunni e le famiglie” specificano poi.

Prendiamo atto che ad oggi il governo regionale non ha ritenuto opportuno fare un tavolo con i responsabili di settore delle Organizzazioni sindacali rappresentative per affrontare tutte le tematiche che riguardano scuola e traposto pubblico locale” sottolineano.

Due settori che devono andare insieme perché non si può parlare di orari diversificati se anche le aziende del Tpl non sono organizzate in tal senso con le doppie linee per rispondere a più turni di ingresso e uscita da scuola”.

Le criticità restano in piedi e siamo pronti a contribuire alle possibili soluzioni per un avvio delle attività scolastiche in sicurezza e certezza – chiariscono i due sindacalisti – con un trasporto pubblico rispondente alle nuove richieste di doppio turno e con mezzi sufficienti”.

Tenuto conto che  l’assessore all’istruzione Lagalla è persona attenta alle problematiche scolastiche –  concludono – ci meraviglia come in un momento così delicato per l’emergenza pandemica non abbia ritenuto sentire le categorie sindacali“.

Reiteriamo la disponibilità ad incontrarci per un confronto risolutivo per la ripresa delle attività scolastiche in sicurezza e con le necessarie certezze in merito alla disponibilità dei mezzi per organizzare il servizio di trasporto urbano ed extraurbano per garantire i collegamenti agli studenti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti