Covid: "Varianti potrebbero ridurre efficacia vaccini" :ilSicilia.it

mutazioni del virus

Covid: “Varianti potrebbero ridurre efficacia vaccini”

di
19 Febbraio 2021

“Le varianti Covid potrebbero cambiare l’efficacia dei vaccini nei confronti del virus, noi oggi sappiamo che i vaccini Pfizer e Moderna sono efficaci al 95% contro il virus originale. Ma è possibile che questi numeri diventino diversi per alcune varianti. Quindi è bene studiarle e modificare questi vaccini per renderli più potenti”. Lo afferma il virologo Guido Silvestri, docente alla Emory University di Atlanta, ospite di ‘Radio Anch’io‘ su RadioRai1.

 “Il virus varia, lo sapevamo fin dall’inizio della pandemia, ma molte di queste variazioni non hanno nessun effetto dal punto di vista clinico sono neutre – ricorda il virologo – poi occasionalmente si verificano le mutazioni che creano le varianti. Il virus per la sua funzione di infettare usa la proteina ‘spike’ che deve legarsi alla molecola umana Ace2: una specie di legame chiave-serratura, il virus può cambiare chiave ma non troppo altrimenti non aprirebbe più la serratura”.

vaccino covid modernaIl presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, Giorgio Palù, intervenuto sul tema a ‘Buongiorno’ su Sky Tg24, ha precisato chela mutazione nel virus è un fenomeno darwiniano naturale, convergente ad adattare meglio il virus all’ospite. Non significa che una variante sia più pericolosa, se non se ne dimostra l’aumento di contagiosità o virulenza. Queste varianti rendono il virus più contagioso, ma non è detto assolutamente che lo rendano più letale o più virulento”.

Ma i vaccini funzionano anche sui mutanti emersi? “Sappiamo che la variante inglese, che circola in maniera significativamente elevata anche sul nostro territorio, è bloccata dagli anticorpi che vengono indotti da tutti i vaccini ad oggi in uso – ha ricordato Palù – Se c’è qualche dubbio che per la variante sudafricana o brasiliana ci vogliano titoli anticorpali più alti per proteggere dall’infezione o dalla malattia, sappiamo però che abbiamo la possibilità di monitorarle, e abbiamo la capacità di modulare in tempi rapidissimi i vaccini per adattarli a essere efficaci anche contro queste varianti”.

 

 

 

 

(Adnkronos)

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco