Cracolici asso pigliatutto, con lo sguardo al congresso Pd, alla Regione e al Comune :ilSicilia.it
Palermo

le grandi manovre dell'assessore all'Agricoltura

Cracolici “asso pigliatutto”, con lo sguardo al congresso Pd, alla Regione e al Comune

di
17 Marzo 2017
La mossa di Antonello Cracolici, che la scorsa settimana è volato a Roma e ha stretto un patto di ferro con Renzi, ha creato subbuglio nel Pd siciliano. Da quel momento – e dalla successiva riunione di domenica scorsa con i fedelissimi – si è capito che in Sicilia chi comanda nel Pd non è di certo Davide Faraone. Fino a poco fa, infatti, Faraone era l’unico “gallo” nel pollaio renziano di Sicilia, o meglio il più forte, perché legato all’ex premier da un solido e antico rapporto. Le cose, però, adesso sono cambiate radicalmente e in appena otto giorni. 

Intanto, all’indomani della svolta renziana del compagno Antonello, quest’ultimo ha annunciato al mondo che è pronto per correre alle primarie per conquistare la presidenza della Regione. E dunque, in un sol colpo facendo venire un mezzo infarto non soltanto a Faraone, ma allo stesso attuale presidente Rosario Crocetta, del cui governo regionale Cracolici è il potente assessore all’agricoltura.

Le armate del “Cracolici-asso pigliatutto” ormai sono in movimento e fermarle per i suoi rivali interni sembra un bel po’ difficile. La partita primarie, infatti, come scritto da “ilSicilia” in anteprima la scorsa settimana, mette in difficoltà Crocetta che ha da tempo annunciato la propria intenzione di ricandidarsi, ma anche Davide Faraone, che sogna di andarsi a sedere a Palazzo d’Orleans.

Ieri, poi, è stata ufficializzata la mozione “Avanti, insieme!”, mozione depositata da Matteo Renzi, in ticket con Maurizio Martina per la candidatura alla leadership del Pd. E Antonello novello renziano potrebbe a questo punto aderirvi, mettendo a disposizione il pacchetto di delegati congressuali costituito dai suoi fedelissimi, oppure provare a “inventare” una seconda mozione filo-renziana, di appoggio alla prima, con lo scopo di colpire separati ma verso lo stesso obiettivo. Peraltro, lo stesso Cracolici vorrebbe un’unica cabina di regia del Pd in Sicilia, ipotesi che però non è ancora passata al vaglio di Faraone. E c’è da scommettere che lo spazio nella medesima cabina sia un po’ stretto per contenere entrambi.

C’è poi il nodo Palermo che tiene sempre banco. A maggio o giugno si vota per le amministrative e gli uomini di Cracolici stanno lavorando a una lista comunale nella quale (pur senza il simbolo del Pd) confluiscano al suo interno le esperienze politiche dei Dem e dei Popolari. Anche in questo caso, togliendo agli amici di Faraone (in primis al segretario Miceli) l’esclusiva sulla composizione di questa lista.

Insomma, le grandi manovre del Pd sono appena iniziate, ma già sono state sufficienti a rimescolare le carte in un partito che in Sicilia ha bisogno di nuova linfa vitale. Sarà in grado Cracolici di rivitalizzare il malato? Staremo a vedere…

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.