Cracolici (Pd) ospite a "Bar Sicilia": "Non abbiamo capito gli italiani. Dobbiamo chiedere scusa" | VIDEO :ilSicilia.it

La rubrica della domenica

Cracolici (Pd) ospite a “Bar Sicilia”: “Non abbiamo capito gli italiani. Dobbiamo chiedere scusa” | VIDEO

di
3 Febbraio 2019

 

Guarda in alto il video della quarantottesima puntata

Per la quarantottesima puntata di “Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, oggi, domenica 3 febbraio 2019, abbiamo ospite Antonello Cracolici, deputato regionale Partito Democratico all’Ars ed ex assessore regionale all’Agricoltura del governo Crocetta.

Cracolici non fa sconti al governo regionale di Nello Musumeci, che definisce un “un governicchio“, accusando gli attuali membri dell’esecutivo di limitarsi ad accusare i governi precedenti, senza però avere una visione della Sicilia in prospettiva, ma anzi riproponendo modelli del passato: “Musumeci aveva detto che la Sicilia diventerà bellissima, ma invece a me pare che diventerà antichissima, visto che le ricette che propone sono quelle già smantellate negli ultimi anni perchè si sono dimostrate inefficaci”. Critiche anche all’assessore all’economia Gaetano Armao: “Sta negando ciò che è stato fatto in passato. E’ uno che dichiara guerra a tutti, a parole mostra muscoli, ma nei fatti è gracilino”.

In merito alla politica nazionale, spiega che il referendum di due anni fa sulla riforma costituzionale ha segnato il declino del Pd e della sua leadership, in particolare di Matteo Renzi. “Questi che stanno governando ora l’Italia, invece, stanno dimostrando tutta la loro inconsistenza. Io penso che questo governo crollerà, ma la crisi di questa esperienza non credo possa avere uno sbocco a sinistra. C’è il rischio di una deriva individualista e sempre più piegata su se stessa, perchè oggi l’idea che sta passando è che le istituzioni della rappresentanza sono luoghi in cui si perde tempo. Arriveremo a qualcuno che dirà Aboliamo il parlamento”.

Quindi, Cracolici sposta l’asse della critica sul proprio partito, senza sconti: “Penso che noi abbiamo interpretato l’Italia in maniera sbagliata. Abbiamo pensato che la sofferenza crescente potesse essere sopperita da una narrazione del successo, che è ciò che ha fatto Renzi. Contemporaneamente, invece, crescevano solitudine e inquietudine fra la gente e noi alla fine siamo apparsi lontani da quei problemi. Io credo che gli italiani ci abbiano puniti perchè ci hanno visti lontani dai problemi. Non è che rispetto ai problemi la destra sia la soluzione, perchè Lega e 5 Stelle semplificano in una visione da bar”.

“Oggi – prosegue – o il Pd riparte dal riconoscere i propri limiti culturali e di interpretazione della società italiana, oppure difficilmente potremo riprendere il cammino. Noi dobbiamo chiedere scusa agli italiani per ripartire. Se non avremo questa umiltà di riconoscere il grave errore di lettura della società italiana che abbiamo fatto, noi difficilmente ricostruiremo un sentimento fra il Pd e l’Italia”. 

Infine, una stoccata polemica sulla gestione del Partito Democratico in Sicilia: “La sconfitta, prima che in Italia, l’abbiamo subita in Sicilia, nasce da una delegittimazione diffusa che c’è all’interno del partito. c’è ormai una deriva per cui ci si disistima al nostro interno. C’ è una propensione più alla guerra interna che alle battaglie esterne. Se qualcuno pensa che per vincere dentro debba essere contrapposto agli altri che ci sono dentro, determinerà solamente una guerriglia che logora tutti. Pensare, come ha fatto Davide Faraone, di autoproclamarsi segretario del partito senza rispettare le procedure dello Statuto, vuol dire negare il percorso che era il patto che ci vede insieme”. 

Guarda in alto il video della 48esima puntata di “Bar Sicilia”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.