Cravatta tagliata nel proprio ufficio, intimidazione subita da Claudio Fava :ilSicilia.it

LA DENUNCIA DEL DEPUTATO

Cravatta tagliata nel proprio ufficio, intimidazione subita da Claudio Fava

di
5 Agosto 2020

Nell’armadio del suo ufficio ha trovato la cravatta, che solitamente conserva per le sedute d’Aula, tagliata a metà.

Lo ha denunciato alle forze dell’ordine Claudio Fava, deputato dei Centopassi e presidente della Commissione Antimafia dell’Ars.

Qualcuno, ieri, sarebbe entrato nella stanza della Presidenza della commissione, che si trova nel ‘cortile della fontana’ e ha un solo accesso autonomo.

Oltre a presentare una denuncia alla Questura di Palermo e alla Digos, Fava come previsto dal regolamento dell’Assemblea regionale siciliana, ha informato gli uffici di sicurezza dello stesso Parlamento e il presidente Gianfranco Miccichè.

Il deputato ha solo detto che “il lavoro della Commissione regionale Antimafia va avanti e che ha già approvato il calendario“.

LA SOLIDARIETÀ DEL MONDO POLITICO

Diversi gli attestati di stima da parte della politica regionale.

Il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’Ars esprime solidarietà al presidente della Commissione regionale Antimafia Claudio Fava per l’inquietante episodio che si è verificato nei locali del gruppo del presidente Fava“.

Apprendiamo dalla stampa di questo accadimento – spiegano i deputati – che certamente non fermerà l’attività del presidente dell’antimafia siciliana. A Fava giunga il nostro abbraccio” – concludono.

Esprimo a nome di tutto il gruppo parlamentare Popolari e Autonomisti Idea Sicilia – commenta Carmelo Pullara -, la piena e convinta solidarietà all’on. Claudio Fava, presidente della Commissione Antimafia all’Ars, per l’ignobile gesto subito all’interno del suo ufficio“.

Non saranno certo questi atti vili, come il taglio di una cravatta, a frenare l’importante attività svolta dalla stessa Commissione e da chi la rappresenta sulle vicende più oscure e spigolose che riguardano la nostra Isola“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.