Cresce +Europa in Sicilia, Ferrandelli: "Noi unico argine credibile contro i separatisti" :ilSicilia.it
Palermo

NUOVO GRUPPO NEL TRAPANESE

Cresce +Europa in Sicilia, Ferrandelli: “Noi unico argine credibile contro i separatisti”

23 Luglio 2019

“Cresce il radicamento nel territorio siciliano di +Europa. Lo avevamo detto chiaramente alcuni mesi fa, rassicurando che la campagna elettorale sarebbe stata soltanto l’occasione di lancio di una nuova realtà, e lo stiamo mantenendo con un lavoro incessante di costruzione di relazioni e organizzazione”. Così Fabrizio Ferrandelli anima siciliana di +Europa ed esponente della segreteria nazionale.

È stata regolarmente formalizzata a Roma la costituzione del gruppo territoriale di Trapani di cui è coordinatore il consigliere comunale Salvatore Tarantolo, leader del movimento “Cambiamo volto al territorio”. Ad affiancarlo nel processo di rafforzamento della rete provinciale, alcuni esponenti noti della politica locale e della società civile, tra cui il responsabile della comunicazione Francesco Spanó.

“A Salvatore e a tutto il gruppo auguro buon lavoro – conclude Ferrandelli – sicuro che l’esperienza diretta dei mesi scorsi sia stata per loro uno sprone e motivo di comprendere che oggi soltanto +Europa è in grado di difendere i territori del Sud, gli stessi territori da sempre utilizzati dalle altre forze nazionali come meri serbatoio di voti. All’inganno perpetrato con politiche separatiste, noi rispondiamo con azioni concrete per il rilancio della nostra terra”.

 

LEGGI ANCHE:

L’ascesa di Ferrandelli: nominato ai vertici nazionali di +Europa

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.