Cresce il Carroccio al Comune di Palermo, Anello aderisce alla Lega | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

il gruppo consiliare ora è di tre persone

Cresce il Carroccio al Comune di Palermo, Anello aderisce alla Lega | Video interviste

di
25 Novembre 2019

Guarda in alto le video interviste

Il gruppo consiliare della Lega di Palermo da Firenze in giù è il più numeroso nelle grandi città. Un risultato che ci riempie di orgoglio. L’anno scorso i consiglieri comunali del M5s erano in cinque e io ero da solo. Oggi i due gruppi hanno la stessa consistenza numerica. A Palermo il movimento si è dissolto, anticipando qui quello che sta succedendo nel resto del Paese“. A dirlo è Igor Gelarda, responsabile Enti locali Sicilia occidentale della Lega e capogruppo al Comune di Palermo del Carroccio, dopo l’adesione al partito del consigliere comunale di Alessandro Anello.

Ho deciso di aderire alla Lega di Matteo Salvini. Credo che in questo panorama di nani e ballerine sia tra le poche persone serie rimaste a difendere gli Italiani con proposte e misure concrete: Decreto Sicurezza, Flat tax e quota 100 per citarne solo alcune. Promesse fatte e mantenute“.

A dirlo è Alessandro Anello, consigliere comunale di Palermo e vicepresidente della Commissione Attività Produttive a Palazzo delle Aquile che motiva così la sua scelta di accrescere la pattuglia di leghisti palermitani al Municipio, già composta da Igor Gelarda ed Elio Ficarra.

Anello, molti anni in Forza Italia, poi traghettato nel “Nuovo centrodestra” di Angelino Alfano ed infine, eletto alle ultime amministrative a Palermo nella lista “Per Palermo con Fabrizio” con i sostenitori di Ferrandelli, spiega la sua scelta sia con motivazioni di carattere nazionale che locale.

Una manovra di palazzo – aggiunge Anello- ha consentito ai cinque stelle, il partito del no, ed al PD, il partito che non sa andare al Governo per la strada maestra ovvero vincendo le elezioni, di rimanere attaccati alle poltrone e non dare la parola agli Italiani. La lega è all’opposizione e continuerà nelle sue battaglie per difendere i confini del nostro Paese dall’immigrazione clandestina e da coloro che in Europa vogliono farle perdere la dignità. La mia scelta di aderire nel momento in cui la Lega è fuori dal Governo è ancora più serena e convinta. Il panorama nazionale è davvero deprimente. Il Governo giallorosso è la cosa peggiore che questo martoriato Paese ha visto negli ultimi 50 anni. Renzi è rimasto a sinistra e ha fatto una scelta di opportunità per i suoi interessi personali alleandosi con coloro che ha sempre detestato. Rappresenta un modo di fare politica che non mi appartiene alimentato solo da voglie di rivincita che nulla hanno a che fare con gli interessi del paese“.

Avevo 25 anni quando ho cominciato a fare politica – aggiunge – ne ho vissuto altrettanti in Forza Italia e sempre nel centrodestra. Ho creduto nella novità di un partito che aveva una identità e dei valori e per i quali mi sono battuto nella società civile e nelle Istituzioni che ho avuto l’onore di servire. Non riesco più a capire che cosa è diventata Forza Italia e se non lo comprendo io, non vedo come possano farlo gli elettori“.

Maria Pitarresi, Igor Gelarda, Alessandro Anello, Antonio Triolo

La mia città è allo sbando – conclude Anello – il Sindaco naviga a vista (in questi giorni di allagamento è proprio il caso di dirlo), il piano traffico è inesistente e la mobilità è gestita da un professorino visibilmente presuntuoso ed incompetente, i rifiuti sono dappertutto, e stiamo vivendo una emergenza ambientale senza precedenti. Il bilancio del Comune è stato saccheggiato ed è in deficit strutturale. Non c’è una sola cosa in questa nostra Palermo alla quale guardare con speranza con un Sindaco che ormai, nonostante i goffi tentativi di riciclarsi (quella delle sardine è davvero imbarazzante), rappresenta solo il passato. La lega è nel Paese all’opposizione di un governo fatto grazie a gente che non ha rossore nelle guance. Io voglio fare la mia parte in questo progetto insieme al capogruppo Igor Gelarda che già da tempo ha iniziato questo percorso ed è uno dei più attivi e presenti sul territorio ad ascoltare i cittadini e a proporre soluzioni e al consigliere Elio Ficarra che ritrovo in un percorso già iniziato nel tempo e ne conosco le ottime qualità di consigliere e amico e mi batterò nella mia città per mandare a casa un Sindaco che non ha rossore sulle guance e finalmente poter programmare il futuro di Palermo“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.