Cresce la disparità nel settore sanitario, al Sud si muore di più :ilSicilia.it

Spesso si mescolano scarse competenze e mancanza di reali esigenze che riempono gli ospedali mediterranei

Cresce la disparità nel settore sanitario, al Sud si muore di più

di
10 Aprile 2017

La situazione dell’apparato sanitario nel sud Italia ha delle sfaccettature molto preoccupanti: la Campania, su tutte, ma anche Sicilia, Puglia e Calabria hanno un tasso di mortalità molto maggiore rispetto alle regioni centro-settentrionali della nostra Penisola.

Al Sud è molto più alta la mortalità prematura sotto i 70 anni di vita; la media italiana è di 82,3 anni mentre – per esempio – a Trento il tasso di sopravvivenza sale a 83,5 anni. La riduzione della mortalità negli ultimi 15 anni è stata del 27% al Nord, del 22% al Centro e del 20% al Sud e Isole.

Ridurre tutto e addossare tutte le colpe ai casi singoli e locali di malasanità e alle amministrazioni locali e nazionali è pretestuoso e sarebbe come sparare sulla croce rossa ma, certo, i fenomeni vanno di pari passo.

La prevenzione innanzi tutto. Se le politiche di precauzione non sono efficaci, e spesso lasciate a marcire nei cassetti o addirittura nelle battaglie di principio, di certo i servizi sanitari non splendono per avanguardia e modernità: i dati riportati quest’oggi dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni italiane sono impietosi per il meridione.

In Italia, al 2015, la speranza di vita alla nascita è più bassa di 0,2 anni negli uomini e di 0,4 anni nelle donne rispetto al 2014, attestandosi, rispettivamente, a 80,1 anni e a 84,6 anni. La diminuzione dell’aspettativa di vita degli italiani è registrata dal Rapporto Osservasalute 2016, presentato oggi. “La distanza della durata media della vita di donne e uomini si sta sempre più riducendo anche se, comunque, è ancora fortemente a favore delle donne”, (+4,5 anni nel 2015 contro +4,9 anni nel 2011).

Le disparità hanno origine dalle logiche di finanziamento dei sistemi sanitari regionali – si parla di soldi pubblici- che vedono il sud in netto svantaggio: molti Governatori delle regioni meridionali non hanno certo dato una mano a loro stessi o, meglio, ai loro elettori.

Il caos che sta attraversando la sanità siciliana, per esempio, tra mancati adempimenti da parte sia di medici che di pazienti, certamente non fa altro che ribadire i dati di Osservasalute. 

Le professioni mediche sono viste quasi come un virus da tenere a bada: a Palermo, al Civico, sono stati convocati cento persone per posti a tempo indeterminato da infermiere, se ne sono presentate la metà. Anche a Trapani ed Agrigento i direttori delle rispettive Asp hanno mandato un allarme per mancato personale. La paura di ritorsioni da parte dei pazienti (o delle famiglie) e la mancanza di politiche adeguate hanno, probabilmente, generato questo rigetto nei confronti delle professioni sanitarie che rendono il Sud meno “competente” rispetto al resto dell’Italia.

Spesso si mescolano scarse competenze e mancanza di reali esigenze che riempono gli ospedali mediterranei, togliendo i fantomatici ‘posti letto’ a gente che in realtà ne avrebbe davvero bisogno.

Dall’emergenza si passa così al paradosso, dal paradosso all’inefficienza. Più di un cane che si morde la coda, una “matassa” alla quale è difficile trovare il bandolo.

Bisogna davvero avere ancora paura di un raffreddore? L’omogeneità di diritti e sicurezza in tutta la nazione (o in tutto il mondo?) dovrebbe essere il punto cardine dell’apparato sanitario; purtroppo così non è.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti