In Sicilia il lavoro si cerca in rete | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

All'Università di Palermo in corso le Giornate dell'Economia del Mezzogiorno

Crescita startup in Sicilia, il lavoro si cerca in rete

di
23 Novembre 2016
Boom di startup tra le giovani leve siciliane; è questo il dato emerso dalle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno, in corso nelle sale delle varie facoltà dell’Università di Palermo, alla nona edizione, che avranno termine il prossimo fine settimana. Stando ai dati relativi alla fine di settembre, la Sicilia ha registrato 1.803 nuove imprese, nominandosi come quinta regione più innovativa in Italia dopo Campania, Lombardia, Lazio e Puglia.
giornata-delleconomia-del-mezzogiorno“Sono solo due milioni e mezzo i siciliani che lavorano – esordisce Sebastiano Bavetta, professore di Scienze economiche all’Università degli Studi di Palermo – e servirebbe un salto occupazionale di almeno un milione di posti in più. La disoccupazione genera un flusso migratorio che ogni anno porta via dalla Sicilia 25 mila giovani. Un processo, questo, che costa almeno 5 miliardi l’anno, se si considera che per formare ogni giovane fino alla scuola superiore ci vogliono 200 mila euro. Della mancanza di lavoro risente anche il tasso di natalità: la Regione diventa sempre più vecchia e cresce la percentuale di over 75″.
Gli fa eco Alessandro La Monica, il presidente della società Diste Consulting: “Anche la popolazione universitaria ne ha risentito con una significativa riduzione degli studenti che decidono di proseguire gli studi in Sicilia. Soltanto nel capoluogo, a distanza di cinque anni, c’e’ stato un calo di 13 mila iscritti. Un dato positivo, invece, arriva dalle imprese che se in Italia sono 6 milioni, in Sicilia sfiorano le 500 mila. Saldo positivo anche per quelle gestite da immigrati, che nel Paese sono oltre 500 mila”.
Tra i partecipanti alcuni gruppi di liceali presenti che hanno preso parte alla settima edizione del concorso nazionale Lifebility; si tratta di un social game nato per far conoscere la cultura d’impresa nei licei e per collegare l’innovazione tecnologica all’utilità sociale. Spiccano due tra le applicazioni presenti in gara, entrambe promosse da alcuni studenti palermitani dell’istituto industriale Vittorio Emanuele III: la prima è Security for you che “tramite un chip e con un costo estremamente basso – spiegano gli alunni Parthipan Thiygalingam, Andrea Piscopo e Andrea Bondì  permette di rendere tutti i dispositivi accessibili e automatici dal proprio tablet o smartphone”-. La seconda Stud life è, invece, un sistema che automatizza la scuola.
 “In questo modo – illustrano gli studenti – diventa possibile lo sharing dei libri di testo sul proprio telefono, i genitori possono essere avvisati se il figlio non va a scuola o conoscere in tempo reale il risultato di un compito in classe, si può prenotare con un clic un incontro coi docenti o in segreteria, dimezzando tempi di attesa e lungaggini burocratiche”. Una scuola 2.0.
© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin