Crisi aziendali, la nuova normativa non piace agli imprenditori: "Regole troppo severe" :ilSicilia.it

Il commento del presidente Ance Palermo Sanfratello

Crisi aziendali, la normativa non piace agli imprenditori: “Regole troppo severe”

12 Aprile 2019

Il nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza: questo l’oggetto dell’incontro che si è svolto a Palazzo De Seta, organizzato da PwC TLS Avvocati e Commercialisti e Ance Palermo, in collaborazione con il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo, l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Palermo, Federalberghi Palermo e Confcommercio Palermo.

Si è parlato degli istituti inerenti alle procedure di allerta, la nuova disciplina sugli assetti organizzativi aziendali e la prevenzione dei rischi di impresa, anche alla luce del nuovo articolo 2086 del codice civile, con un’analisi nel dettaglio sulla nuova portata degli obblighi a carico degli organi di governance.

Un passaggio specifico è stato dedicato ai nuovi organismi di composizione della crisi di impresa e alle regole di condotta che gli esponenti aziendali dovranno assumere coadiuvati dai professionisti nominati. Sono stati presi in esame anche gli strumenti di natura concorsuale finalizzati a consentire il superamento delle situazioni di crisi, nonché le principali azioni da poter implementare nell’ottica di massima tutela del going concern aziendale.

Un ampio focus, inoltre, è stato dedicato agli impatti del nuovo Codice sulla corretta regolamentazione dei rapporti tra l’imprenditore ed i creditori qualificati e, più in generale, i terzi interessati e sulle possibili strategie di investimento negli scenari distressed.

Con questa nuova normativa – afferma il Presidente di Ance Palermo Fabio Sanfratello – vengono stabilite regole stringenti che colpiscono le imprese. Da una parte è vero che ci sarà omogeneità di trattamento, circostanza che genera concorrenza leale. Dall’altra, però, vengono fissati rigidi paletti per l’amministrazione di un’azienda. Ad oggi l’80% delle imprese di costruzione sarebbe in stato di insolvenza rispetto alla nuova normativa. 120 di ritardo dei fornitori, 60 giorni di ritardo degli stipendi. Si mettono a dura prova il nostro settore“.

Durante il convegno c’è è stata anche una tavola rotonda per le imprese alla quale hanno partecipato Nicola Farruggio – Presidente Provinciale Federalberghi, l’Avvocatessa Francesca Ottavi della Direzione Opere Pubbliche di ANCE e Michele Cimino Amministratore Unico di Amat Palermo Spa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.