23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.33

La nota dl governatore

Crisi Cmc, Musumeci sprona Toninelli: “Intervieni e metti fine al calvario”

30 Gennaio 2019

Assistiamo ad una penosa ricerca di protagonismo da parte di personaggi politici di medio calibro, preoccupati solo di salire sul palco della tragedia vissuta da centinaia di imprese, in una ipocrita sceneggiata sulla pelle di tanti disperati, mentre nessuna soluzione si intravede all’orizzonte“. Così il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci sulla crisi della Cmc, il gruppo che ha bloccato diversi cantieri di grandi opere in Sicilia provocando pesanti ripercussioni su aziende e lavoratori.

Doveri istituzionali – aggiunge il governatore – mi impongono ancora una volta di rivolgermi all’unico possibile interlocutore: il governo di Roma e, per esso, il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, affinchè intervenga con tempestività e autorevolezza per porre fine a questo calvario, in una terra che piange ancora lacrime di sangue per i tanti, troppi torti subiti“.

La Cmc di Ravenna, Cooperativa muratori e cementisti, è dal 7 dicembre in concordato preventivo per la ristrutturazione del debito societario. Questa situazione ha determinato una situaione di profonda incertezza soprattutto per il destino dei cantieri siciliani. Nei lavori nell’Isola che sta svolgendo l’azienda sono coinvolte 70 aziende che vantano crediti per un ammontare di quasi 50 milioni di euro. Di recente, aziende e fornitori si sono riuniti in un comitato e hanno deciso di rivolgersi ad Anas e governo al fine di adottare una procedura straordinaria per subentrare a Cmc.

Annunciate anche manifestazioni eclatanti di protesta, come quella prevista per sabato prossimo, 2 febbraio, con un corteo che sfilerà dalla Galleria Sant’Elia fino all’abitato di Caltanissetta, al quale parteciperanno non solo le imprese e i lavoratori, ma anche i comitati dei quartieri e dei centri isolati e i sindaci del Nisseno, dell’Agrigentino e del Palermitano coinvolti nella vertenza.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.