13 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.55

LA PALLA AL PARLAMENTO

Crisi Cmc verso la soluzione, attesa da Roma per il via libera ai pagamenti

13 Maggio 2019

Dopo due anni di sofferenze e di attesa, sembra profilarsi una soluzione per le oltre cento imprese siciliane creditrici del gruppo Cmc di Ravenna.

In questi giorni il Contraente generale, con il controllo diretto dell’Anas, sta stipulando con gli affidatari nuovi contratti per consentire la prosecuzione dei lavori nei cantieri lungo la Palermo-Agrigento e la Agrigento-Caltanissetta, tramite la realizzazione di alcuni km di tracciato stradale utili ad eliminare disagi alla circolazione veicolare.

Quanto al pagamento delle spettanze arretrate, le imprese auspicano “l’approvazione da parte del Parlamento, nell’ambito della conversione in legge del decreto sbloccacantieri, di un emendamento, formulato dai tecnici dei ministeri dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture e presentato dal governo, per costituire un Fondo con cui ristorare fino al 70% dei crediti vantati da tutte le piccole e medie imprese italiane, strategiche e non, compresi i subappaltatori e i fornitori, nei confronti di General contractor entrati in crisi”.

Di questo bacino farebbero parte, dunque, anche tutte le aziende creditrici della Cmc impegnate nei cantieri della Palermo-Agrigento e della Agrigento-Caltanissetta, così come quelle dei cantieri della metropolitana di Catania, per le quali a maggior ragione si richiede che siano chiamate a fare parte del tavolo di confronto col governo nazionale.

Nelle more dell’attuazione del provvedimento, se approvato dal Parlamento, dovrebbe essere l’Anas, su disposizione del governo, ad anticipare tale 70% di crediti, mentre per il recupero del restante 30% le imprese dovrebbero seguire le ordinarie procedure concordatarie. Un nuovo incontro è stato convocato a Roma fra due settimane.

 

LEGGI ANCHE:

Crisi Cmc, ultimatum al Governo: “Imprese siciliane pronte a proteste eclatanti”

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.