Crisi da coronavirus, A2 a rischio per la Fortitudo Agrigento :ilSicilia.it
Agrigento

LE PAROLE DEL PRESIDENTE SALVATORE MONCADA

Crisi da coronavirus, A2 a rischio per la Fortitudo Agrigento

17 Maggio 2020

Futuro a rischio per la Fortitudo Agrigento. La formazione di basket veleggiava nelle posizioni alte della Serie A2 e lottava a tutti gli effetti per un posto nella massima serie.

Ma a causa della pandemia da covid-19, il presidente Salvatore Moncada è stato costretto a rivedere i suoi piani. In una lettera aperta rivolta alla città e ai tifosi, il dirigente si dice pronto a iscrivere il club nelle serie minori. L’esistenza del club sarebbe infatti a rischio.

LE PAROLE DI MONCADA

Salvatore Moncada, presidente Fortitudo Agrigento

La mia vita – scrive Moncada – è stata sempre rivolta a dimostrare che nel nostro territorio si può fare, nel lavoro e nello sport, ciò che in altri posti è normale.

Un’impresa innovativa, una squadra di successo, e non per sola visibilità personale, ma per l’orgoglio di dire ce l’ho fatta qui“. Moncada, sottolinea come per riuscire a fare basket “non poche volte ho messo a rischio tutto“.

L’ho fatto – prosegue – pensando che questo nel tempo avrebbe portato la consapevolezza a un territorio, e ai suoi giovani, che quello che facevo si poteva fare e che qui si doveva fare. In termini di fatturato di gruppo tra il 2010 e 2012 abbiamo raggiunto risultati che nessuno aveva mai ottenuto – sottolinea Moncada –. E nel basket ho raggiunto i migliori risultati della nostra città con i play off per la Serie A“.

IL COVID-19 ROVINA I PIANI SOCIETARI

La pandemia, però, rischia di lasciare il segno dal punto di vista economico e porta a riconsiderare parecchie cose.

Sono entrato – spiega Moncada – in una versione di vita diversa, più concreta. Siamo riusciti a creare una grande famiglia, giocatori seri, collaboratori che sono cresciuti, piccole aziende che si sono sacrificate per essere vicine con sponsorizzazioni e un gruppo di tifosi costanti, i nostri abbonati, che non hanno mollato mai. Tutto questo ha portato nel migliore dei casi ad una raccolta tra biglietti e sponsor di 150 mila euro, alcuni anni anche meno a fronte di costi fra 900 mila e 1,35 milioni di euro, costi che per il 15-20 per cento sostengono le strutture di federazione e lega basket“.

Oggi mi trovo in un limbo – è l’appello di Moncada – in cui non si può ridurre i costi, perché meno di 900 mila euro è impossibile spendere. Queste considerazioni mi hanno portato a decidere di iscrivere la squadra in una serie minore, compatibile alle risorse che il territorio riesce a generare. Contribuirò sempre con una grande sponsorizzazione, da 250 mila euro. La squadra è un bene della città e se qualcuno ritiene che la città di Agrigento ha risorse da potere dedicare, per mantenere la squadra in serie A2, la società non ha problemi da qui al 15 giugno ad accogliere finanziatori o sponsor. In caso contrario la via è già segnata”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.